Thursday 19th Sep 2019

La storia di Mirko: all’estero da italiano, fiero di esserlo - 

Vicenza - Il Giornale di Vicenza ha pubblicato giovedì 5 settembre la lettera di un italiano all’estero: Mirko Zeta Zambon. La lettera è indirizzata a Luigi Di Maio e Matteo Salvini.  

“Mi chiamo Mirko Zeta Zambon, ho 25 anni, sono figlio di agricoltori veneti e sono uno di quelli che ama il proprio paese, le proprie radici e le proprie tradizioni, eppure sto scrivendo tutto ciò dall'altra parte del mondo. Ebbene sì, faccio parte di quei milioni di ragazzi italiani emigrati all'estero che da molti vengono additati come "traditori della patria" (canto trentaduesimo dell'Inferno di Dante Alighieri). Sono un traditore della patria che alcuni anni fa ha messo la sua vita in una valigia o meglio, in uno zaino, ed è partito per l' Australia in cerca di un futuro migliore”.

“Non voglio mentire, non è stato piacevole e non è nemmeno stato facile ma non mi sono mai arreso e sa perché? Perché sono italiano e sono fiero di esserlo! – scrive Mirko -. Noi italiani siamo così, non ci diamo mai per vinti e sappiamo adattarci ad ogni situazione".

“Da quando sono all'estero – si legge ancora nella lettera pubblicata dal quotidiano - tutti quelli che incontro conoscono qualcosa di bello del mio Paese e apprezzano noi italiani perché siamo altruisti, geniali, simpatici, ironici e sappiamo adattarci a varie situazioni. Sono orgoglioso di poter dire di essere italiano perché sono parte di una cultura che insegna il lavoro, il dovere, l'amore, l'impegno civile. Sono fiero di far parte di un popolo che ha sempre avuto il coraggio, la dignità e la fantasia per affermare la sua identità nel mondo”.

”Vivere in Australia – conclude Mirko - mi sta dando molto e sono consapevole che sarà la mia casa ancora per un bel po’ di tempo ma non sarà mai il mio futuro. Non mi pento della scelta che ho fatto e non mi devo giustificare con nessuno e nemmeno sminuire qualcuno per sentirmi superiore. Lo dico sempre ai giovani che quotidianamente mi scrivono per avere consigli: sogno un governo che un giorno metta l'esperienza all'estero come ‘leva obbligatoria’”. (NoveColonneATG)
 
COMMENTO
Questa lettera di Mirko è bellissima  ed è l'ennesima prova che noi Italiani abbiamo una marcia in piu di 
tutti gli altri perchè noi non siamo solo un popolo, siamo una civiltà che ha insegnato al mondo arte 
musica pittura scultura oltre alla ns genialità e simpatia  mai disconosciuta 
Purtroppo questa bellissima lettera di Mirko cadrà nel nulla perchè questi ns politici chiusi nella loro 
torre d'avorio sono una nullità, la rappresentazione della totale incapacità nel fare gli interessi della
nazione e dei cittadini (non possiamo manco dire di chi li ha votati  perchè noi non abbiamo mai votato
questa schifezza che ci dovrebbe rappresentare in Parlamento)
(P.Ferrari)
 

Comments powered by CComment