Thursday 19th Sep 2019

Le segnalazioni dovranno essere inviate entro il prossimo 15 novembre all’Ambasciata o al Consolato - 
 
ROMA - Il 29 maggio 2019 sono state assegnate 27 “Stelle al Merito del Lavoro” agli italiani residenti all’estero. Da quando sono state varate le nuove norme per l’assegnazione dell’onorificenza, con la legge del 5 febbraio 1992 (n. 143), fino ad oggi i decorati sono stati oltre mille. La decorazione della “Stella al Merito del Lavoro” venne istituita con il Regio decreto 30 dicembre 1923 (n. 3167). Essa consiste in una stella a cinque punte in smalto bianco: al centro è in smalto color verde chiaro e reca sulla faccia diritta un rilievo in argento dorato, raffigurante la testa d’Italia turrita e sul rovescio la scritta “Al merito del lavoro” con l’indicazione dell’anno di fondazione (1924). Informa il sito del Cgie. 

Le Ambasciate e i Consolati italiani nel mondo invitano gli organismi di rappresentanza delle comunità italiane all’estero delle rispettive circoscrizioni consolari a collaborare con la rete diplomatico-consolare per individuare i connazionali da proporre per l’onorificenza della “Stella al Merito del Lavoro”. Ambasciate e Consolati provvederanno poi ad inoltrare tali segnalazioni, ricevute entro il prossimo 15 novembre, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. La decorazione è per i lavoratori dipendenti, anche se già pensionati, e per i lavoratori italiani all’estero, che abbiano dato prove esemplari di patriottismo, laboriosità e probità. Inoltre, l’onorificenza può essere conferita per onorare la memoria dei lavoratori italiani, anche residenti all’estero, periti o dispersi a seguito di eventi di eccezionale gravità, determinati da particolari rischi connessi al lavoro in occasione del quale detti eventi si sono verificati; in questo caso si prescinde dai requisiti di età o anzianità di lavoro.

I documenti necessari sono: curriculum vitae firmato dall’interessato, attestato di servizio rilasciato dal datore di lavoro, dichiarazione sostitutiva di certificazione (autocertificazione) di nascita e cittadinanza, dichiarazione sostitutiva (autocertificazione) relativa alle condanne penali. Tutti i documenti da presentare per la candidatura dovranno essere stati rilasciati in data recente. Sulla piattaforma internet YouTube è disponibile un video realizzato su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che illustra le caratteristiche dell’onorificenza. Per informazioni più dettagliate si consiglia di rivolgersi ai rispettivi Consolati e Ambasciate. (Inform)
 

Comments powered by CComment