Saturday 20th Apr 2019

Papa Francesco a ruota libera sui grandi problemi del mondo in una insolita intervista fiume esclusiva uscita questa sera su El Pais, realizzata proprio mentre Donald Trump prendeva possesso della Casa Bianca. E proprio a Washington è attesa venerdì il primo ministro inglese Theresa May, mentre il 31 gennaio arriverà il presidente del Messico Enrique Pena Nieto.
 
Papa Bergoglio non entra nel coro degli allarmi preventivi sul neo-presidente Usa. «Vedremo che cosa succede. Spaventarsi o rallegrarsi ora sarebbe una grande imprudenza, sarebbe essere profeti di calamità o di benessere, che potranno non verificarsi. Vedremo che cosa farà, e lo valuteremo». Ma poi parla con preoccupazione della crescita del populismo. Non solo negli Usa ma anche in Europa, incalza l’intervistatore. Cita l’esempio della crescita del nazismo in Germania. «Per me l’esempio più tipico del populismo, nel senso europeo, è il 33 tedesco». «La Germania distrutta cerca di alzarsi, cerca la sua identità, cerca un leader che gliela restituisca: c’è un giovane che si chiama Hitler e dice `io posso´. E tutta la Germania vota Hitler». «È stato votato dal suo popolo, e poi lo ha distrutto. Questo è il pericolo». «In tempi di crisi non funziona la ragione», «cerchiamo un salvatore che ci restituisca l’identità e ci difendiamo con i muri».

Il Papa torna anche sul dramma dei profughi: «Che il Mediterraneo sia un cimitero, deve farci pensare». E rende omaggio all’Italia, che «nonostante tutti i problemi del terremoto continua ad accoglierli». I migranti, ripete, «Primo, salvarli. Poi, accoglierli il meglio possibile. Quindi, integrarli».

Jorge Mario Bergoglio parla del «dio danaro, che è al centro del sistema economico, e non l’uomo e la donna», avverte che «la schiavitù della donna è una delle cose più disastrose». Parla della Chiesa: «il male peggiore per la Chiesa è il clericalism. Quando il pastore si converte in funzionario». Nell’intervista a tutto campo apre uno spiraglio anche sull’uomo Bergoglio. La sua salute? «Da qui in su, perfetto. Il problema sono le gambe. Cammino con un sostegno». Ma, aggiunge, «ho una memoria da elefante, perfino nei dettagli». E poi conferma di non guardare la Tv da 25 anni: «semplicemente perchè in un certo momento ho sentito che me lo chiedeva Dio. Ho fatto questa promessa il 16 luglio del 1990». Il papa argentino dice di non essere cambiato da quando si è seduto sul trono di Pietro. «La mia personalità non è cambiata. Cambiare a 76 anni è come farsi il trucco. Non posso fare tutto quello che voglio, però l’anima `callejera´ (`della strada´ ndr) rimane, e si vede». Non si sente scomodo con il potere, gli chiede El Pais? «È che il potere non l’ho io. È condiviso». Ma, aggiunge, «non è il potere che mi sta scomodo. Mi danno fastidio certi protocolli. Ma è perchè sono fatto cosi, `callejero´ ».

«Nella Chiesa - dice poi - ci sono santi e peccatori, gente per bene e corrotti»: ma quello che più preoccupa Francesco è «una Chiesa anestetizzata dalla mondanità», lontana dai problemi della gente.

Comments powered by CComment