Monday 1st Mar 2021

Augusto Orsi da Locarno –

Curarsi con i libri è il titolo di un singolare e divertente  libro scritto a 4 mani da Ella Berthoud e Susan Elderkin, che attraverso 636 pagine cercano d’insegnarci come attraverso i libri si possono guarire le principali malattie. Contro l’influenza si potrebbe leggere Agatha Christie o contro l’ansia Henry James con il suo «Ritratto di signora». Come sottolinea il bibliotecario Fabio Stassi nell’introduzione, «ogni libro è un richiamo, un’immunizzazione che agisce su di noi allo stesso modo delle campagne di prevenzione contro il vaiolo o la poliomielite». Provare per credere! Se non guarirete però avrete ampliati un tantino i vostri orizzonti culturali. Il riferimento a questo libro l’ho letto in un articolo del giornalista del Corriere del Ticino Carlo Silini. Voglio metterlo in pratica e vi farò sapere

È una delle rare attività senza controindicazioni che possiamo svolgere anche in tempo di totale contenimento. La raccomando tre volte al giorno, prima e dopo i pasti, e nell’ultima mezz’ora che precede lo spegnimento dell’abat-jour sul comodino. Perciò non c’è dubbio: se lasciano aperte le farmacie non c’è ragione di chiudere le librerie. Dal punto di vista delle misure di protezione, raramente sono soggette ad assembramenti selvaggi e incontrollabili, come avviene in altri ambienti pubblici. Ultimo suggerimento: in attesa di una misura che ci pare facile da sbloccare, non scaricate e-book dal computer, procuratevi i libri comandandoli nelle  librerie. Che così, uno esce di casa, ritira due pizze e fa un salto a prelevare «L’amore ai tempi del colera» con l’ultima guida Michelin per quando si potrà tornare nei ristoranti e un plico di fumetti di Jacovitti.

Augusto Orsi

 

Comments powered by CComment