Wednesday 14th Apr 2021

ROMA – Anche il Ministero della Cultura, tramite del Segretariato regionale del MiC per il Veneto, partecipa con mostre, convegni, eventi digitali, pubblicazioni, attività di valorizzazione alle celebrazioni promosse dal Comitato per i #1600 anni della fondazione della città di Venezia.

Fino al marzo 2022 il Comitato ufficiale presieduto dal Comune di Venezia celebrerà la cultura, l’artigianato, l’arte e l’architettura, il ruolo diplomatico e politico giocato da Venezia nel corso della sua lunga esistenza.

Sul sito https://1600.venezia.it/ sono pubblicate tutte le iniziative organizzate da enti pubblici e privati quali musei, soprintendenze, archivi, biblioteche, gallerie, associazioni culturali e artigianali e di categoria, amministrazioni territoriali e internazionali, università, teatri e altri ancora. Un calendario unico condiviso che, per un anno, sarà strumento di promozione delle iniziative e piattaforma di comunicazione indirizzata ad un pubblico internazionale. (Inform)

 

Gli auguri del Presidente Mattarella a Venezia per i 1600 anni dalla fondazione

Non una città-museo, ma una città piena di vita e dinamismo. Perché Venezia non può esistere senza i veneziani

ROMA – Sono lieto di rivolgere il mio messaggio di auguri a Venezia, e a tutti i veneziani, che festeggiano quest’oggi la significativa, importante, ricorrenza dei mille seicento anni dalla fondazione. Venezia, per l’Italia e per il mondo – queste le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, – è da sempre una città emblematica che ha incessantemente evocato fascino, bellezza, arte, intraprendenza, libertà e buon governo.

Una città – “la più bella del mondo”, come la definiva lo storico Martin da Canal già nel XIII secolo – senza mura e senza esercito, capace di estendere la sua influenza molto al di là del suo limitato territorio.

Un successo globale, attestato non soltanto dai veneziani celebri nel mondo: Marco Polo, Vivaldi, Tintoretto, Tiepolo, Bellini, Goldoni. Ma anche dall’attrazione e dal fascino che la città lagunare ha sempre esercitato nei confronti dei più importanti uomini di cultura di ogni tempo: da Shakespeare a Goethe, da Byron a Stendhal, da Wagner a Thomas Mann, per citarne soltanto alcuni.

Da sempre ponte tra Oriente e Occidente, luogo di incontro privilegiato tra civiltà, culture, popoli, religioni, Venezia rimane – e certamente rimarrà – simbolo di dialogo, di incontro, di conoscenza. Capace di trovare, nella universalità e nell’apertura, nella cultura e nell’intraprendenza, la sua vocazione e il suo radicamento. Ecco perché la storia e il successo di Venezia nei secoli si presentano come un esempio per l’Italia di oggi.

Venezia è una città veneta e italiana, giustamente fiera dell’originalità e dell’unicità delle sue radici e delle sue tradizioni. Ma il suo carattere e la sua universalità fanno sì che la Città oltrepassi i confini regionali e nazionali. Venezia appartiene al mondo intero.

Il suo patrimonio inestimabile di arte e di cultura va difeso e preservato. Come vanno sostenuti e rilanciati anche la sua peculiare vivacità, la sua economia, il suo essere, insieme, comunità locale forte e coesa e punto di riferimento internazionale.

Non una città-museo, dunque, ma una città piena di vita e dinamismo. Perché Venezia – conclude Mattarella – non può esistere senza i veneziani. (Inform)

Comments powered by CComment