Thursday 27th Jul 2017

Domande per il triennio 2018-2020 entro il 7 settembre - 

ROMA - Nell’ambito dell’Accordo di Cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia e Sud Africa firmato a Pretoria nel 1998, si è aperto questa settimana il Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca da includere nel Protocollo Esecutivo Bilaterale di Scienza e Tecnologia per gli anni 2018-2020.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed il South African Department of Science and Technology co-finanzieranno un massimo di 4 progetti di “Grande Rilevanza” e un massimo di 10 progetti di mobilità di giovani ricercatori.

Le aree di ricerca previste per i progetti di “Grande Rilevanza” sono quattro: Biotecnologie, con particolare attenzione alla Ricerca Farmacologica nel campo delle malattie trasmissibili e la vaccinazione; Gestione integrata e sostenibile dell’acqua, che promuova misure e tecniche volte a migliorare la sostenibilità e l’efficienza delle risorse idriche; Blue economy; Spazio, Astrofisica e Radio-Astronomia.

Le tematiche ammesse per i progetti di mobilità sono, invece, cinque: Nuove Tecnologie per le Scienze Sociali; Aerospazio; Blue economy; ICT; Energia pulita e rinnovabile.

Possono presentare la propria proposta di progetto enti di ricerca pubblici o privati. I coordinatori dei progetti devono avere cittadinanza italiana o di un altro Paese dell’Unione Europea purché abbiano la residenza in Italia. Per i progetti di mobilità il coordinatore deve essere un giovane ricercatore emergente: un ricercatore che non abbia più di 45 anni e che abbia conseguito il dottorato da massimo 7 anni.

I progetti di ricerca dovranno essere inviati sia alla Parte italiana che alla Parte sudafricana dai rispettivi coordinatori entro il 7 settembre 2017 alle ore 17:00 CEST.

Le candidature italiane devono essere inviate utilizzando la piattaforma online ad hoc: http://web.esteri.it/pgr/sviluppo. (aise)