Thursday 19th Sep 2019

Scrivere un libro è un traguardo importante, spesso il traguardo di una vita. Nel caso di Federica Marchesini è un momento di passaggio. Lo ha detto lei all'incontro con l'autore dell'altra sera nella "Tavernetta dei Poeti" al ristorate "True Italian" di Bree Street, dove ha ufficialmente presentato agli amici il suo primo libro: "Da un Capo all'altro", annunciando la prossima uscita della versione inglese (gennaio-febbraio) e la maturata decisione di cominciare a scrivere il secondo, che avrà quale protagonista la stessa Atena Monti cui ha affidato le proprie memorie e fantasie nel libro appena uscito.
E' stato un incontro piacevole, rilassato e interessante, nel corso del quale Katrine Collins - amica ma soprattutto allieva di Federica, che le insegna l'italiano con risultati eccellenti a giudicare da come se l'è cavata nella nostra lingua durante la serata -, ha parlato del libro e della Marchesini, mettendo in risalto come le qualità dell'autrice siano riscontrabili in questo suo lavoro a metà fra l'autobiografico e l'immaginario. Un raccontare scorrevole e piacevole, durante un viaggio fra il Sud Africa e l'Italia, con escursioni nella memoria e nel presente, avendo sempre presente un'esigenza intima di trarre e impartire insegnamenti ricavati dalla comparazione di usi e costumi, di forme linguistiche e di atteggiamenti esistenziali. Una lettura piacevole, che senza dubbio genera il desiderio di vedere pubblicato al più presto il secondo libro.

Comments powered by CComment