Monday 10th Dec 2018

La Stampa - 

La Lega avanza, il Movimento 5 Stelle non sfonda, il Pd in affanno ma non crolla: sono le prime indicazioni della tornata delle elezioni comunali 2018 che vedevano chiamati al voto 7 milioni di italiani per rinnovare le amministrazioni in 761 Comuni di cui 20 capoluoghi. Al voto ha partecipato il 61,1% degli aventi diritto, in calo rispetto al voto precedente. 
 
Le uniche certezze iniziali sono la riconferma del sindaco di centrosinistra di Brescia Enrico Del Bono e Treviso strappata dal centrodestra al centrosinistra. A Catania finisce invece l’era di Enzo Bianco, che si era ricandidato con il centrosinistra ma senza il simbolo del Pd, perdente contro l’eurodeputato di Forza Italia Salvo Pogliese che ha superato il 40 per cento dei voti. A Vicenza potrebbe essere stata decisiva la desistenza di M5s, che non ha presentato liste: il candidato del centrodestra Rucco ha vinto con il 50,6%. Ballottaggi tra centrodestra e centrosinistra si profilano a Sondrio, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Brindisi. Un ballottaggio tra centrosinistra e M5s ad Avellino. Tra centrodestra e M5s a Terni.
 
 
Ad Ancona, unico capoluogo di regione in Italia dove si votava per il sindaco e il rinnovo del consiglio comunale, la sindaca Pd uscente Valeria Mancinelli (centrosinistra e civiche) sfiora la rielezione al primo turno, arrivando quasi al 48% dei voti. Tra 15 giorni dovrà sfidare per il ballottaggio Stefano Tombolini, candidato civico sostenuto da tutto il centrodestra, che ha superato il 28%. Non sfonda la pentastellata Daniela Diomedi che va poco oltre il 17%. A Sondrio sarà ballottaggio tra Marco Scaramellini il candidato del centrodestra e Nicola Giugni del centrosinistra. 
 
Anche Imperia va al ballottaggio. Una tornata elettorale che ha visto il ritorno in pista di Claudio Scajola, l’ex ministro autocandidato nella città che già per due volte aveva amministrato. Con oltre il 35% risulta il candidato più votato, staccando l’«alfiere» del centrodestra unito, l’architetto Luca Lanteri, sostenuto dalla coalizione arancione, ovvero quel «modello Toti» che, mettendo insieme Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Area popolare, è finora riuscito ad imporsi in Regione, a Genova, La Spezia e Savona. 
 
 
Da segnalare l’ascesa della destra anche in altre zone storicamente rosse come Pisa, dove Michele Conte, sostenuto da Fi e Lega, sfiderà al ballottaggio Andrea Serfogli del Pd. Anche qui il Carroccio fa la differenza raccogliendo oltre il 20% dei voti. In Toscana si profila un minimo vantaggio dei dem ma il ballottaggio è pieno di incognite. A Siena, città simbolo del dissesto finanziario, si scontreranno il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) e Luigi De Mossi del centrodestra. A Massa Alessandro Volpi sfiderà Sergio Menchini di M5S. A Viterbo sarà ballottaggio tra il candidato di centrodestra Giovanni Maria Arena (Fi, Lega, Fdi con Giorgia Meloni e lista civica Fondazione!) e la candidata civica Chiara Frontini.
 
Per quanto riguarda i municipi 3 e 8 di Roma, il Movimento 5 Stelle rimane a bocca asciutta. Alla Garbatella vince il centrosinistra al primo turno. A Montesacro sarà ballottaggio tra centrosinistra e centrodestra. A Fiumicino, il sindaco uscente Esterino Montino (centrosinistra) sfiderà al secondo turno Mario Baccini (Forza Italia e 7 liste civiche). A Imola sarà ballottaggio tra centrosinistra e M5s, a Ivrea e Iglesias tra centrosinistra e centrodestra. Nel borgo terremotato di Ussita è stato eletto con 165 voti Vincenzo Marini. Vittorio Sgarbi è il nuovo sindaco di Sutri, nel viterbese. 
 
A Barletta e Siracusa il centrodestra potrebbe vincere al primo turno. A Trapani è nettamente in testa Tranchida sostenuto da liste civiche. A Ragusa il ballottaggio potrebbe riguardare FdI e M5s. Ballottaggio sicuro a Viterbo per Giovanni Arena, candidato sindaco del centrodestra, in netto vantaggio al momento al 45,35%. A sfidarlo dovrebbe essere Chiara Frontini, distaccatissima al 14,40%, della civica Viterbo 2020, oggi consigliera di opposizione all’uscente amministrazione di centrosinistra. A Messina finisce l’era del sindaco «no ponte». A metà scrutinio è ormai certa l’uscita di scena di Renato Accorinti, che si attesta intorno al 14% delle preferenze, risultando dietro Dino Bramanti in testa con oltre il 28% (centrodestra) certo del ballottaggio mentre Cateno De Luca (centrodestra) e Antonio Saitta (centrosinistra) sono appena sotto al 20%.
 
Casapound verso il ballottaggio ad Anagni. Sarà con ogni probabilità un derby a destra il secondo turno delle amministrative nella città di oltre 20 mila abitanti in provincia di Frosinone. In testa, quando le sezioni scrutinate sono 10 su 17, c’è Daniele Natalia, sostenuto dalla coalizione classica del centrodestra (Fi, Lega, FdI più varie civiche), per ora poco sotto il 40%; ma saldamente avviato verso il ballottaggio c’è Daniele Tasca, ora al 21%, il candidato della tartaruga sostenuto anche da altre quattro liste civiche. Fuori partita Fernando Fioramonti del M5s e Sandra Tagliaboschi (Pd e altri).
 
Non ce l’ha fatta ad andare al ballottaggio a Quarto, nel napoletano, Rosa Capuozzo eletta sindaco nel 2015 nelle fila del M5S e poi messa fuori dal Movimento in seguito ai forti contrasti: al secondo turno se la giocheranno i due candidati di sinistra: Antonio Sabino e Davide Secone.
 
Complessivamente il centrosinistra aveva 16 sindaci nei comuni capoluogo di provincia e per ora ne riconferma solo 1. Il centrodestra ne aveva 3 e quest’oggi potrebbe festeggiare, oltre che Treviso e Catania, Barletta, Siracusa e Vicenza. Il Movimento 5 Stelle non sfonda: aveva il sindaco di Ragusa e per ora, salvo sorprese, si deve accontentare di correre ai ballottaggi in tre città: Avellino, Terni e la stessa Ragusa. Sono sei i Comuni della Lombardia che saranno commissariati perché con un solo candidato sindaco l’affluenza non ha raggiunto il quorum del 50% dei voti più uno. Si tratta di Berlingo, in provincia di Brescia; Castel Gabbiano (Cremona), Cenate Sopra (Bergamo), e poi Carugo, Cassina Rizzardi e Sorigo nel Comasco.

Comments powered by CComment