Thursday 20th Sep 2018

Narbonne (Francia) – A Narbonne l’Australia batte 44-15 l’Italia U20 nella semifinale valida per il quinto posto al World Rugby U20 Championship. Gli Azzurrini, come nella passata edizione, sfideranno il Galles nella finale per il settimo posto nel torneo avendo ancora la possibilità di migliorare l’ottavo posto conquistato in Inghilterra. Kick-off domenica alle 16 a Beziers.
Nelle prime battute del match la difesa Azzurra regge bene l’urto dei ripetuti attacchi australiani e a ripartire mettendo pressione sugli avversari. L’Italia tiene bene il campo e al 13’ sblocca il risultato con una gran giocata di D’Onofrio che arpiona un pallone difficile e sul lato mancino d’attacco elude l’intervento di un avversario per realizzare la sua terza meta personale nel torneo. Dalla possibile seconda meta azzurra con Batista, arriva il pareggio australiano al 17’ con Hockings che sfrutta la sua stazza fisica per andare in meta e “rompere” il placcaggio di Mancini Parri. La situazione di equilibrio dura solo pochi istanti: sull’asse D’Onofrio-Modena gli Azzurrini imbastiscono un’azione da manuale che porta alla seconda meta del numero 11 italiano, non trasformata da Di Marco. Nella stessa azione, in seguito ad un duro placcaggio su De Masi, viene espulso Wood al 20’. La squadra di coach Gilmore prova a capitalizzare tutte le occasioni a disposizione e prima accorcia le distanze con Lonergan, poi con una grande azione corale Stewart va in meta in mezzo ai pali trovando il primo vantaggio australiano al 29’.
 
Ad inizio ripresa per dieci minuti viene ristabilita la parità numerica per il giallo rimediato dal neo entrato Nocera al 42’. L’Australia sfrutta subito l’occasione e realizza la terza meta con McReight che sorprende in mezzo ai pali la difesa azzurra. L’Italia fatica e gli australiani trovano la meta del bonus offensivo con il neo entrato Francis che fa valere la propria fisicità in mischia al 62’, con capitan Lonergan che trasforma e tre minuti più tardi porta sul 32-10 la sua squadra con un calcio piazzato. La squadra di Fabio Roselli accorcia le distanze al minuto 66 grazie alla caparbietà di D’Onofrio che resiste a tre placcaggi prima di andare in meta accanto alla bandierina sul lato mancino d’attacco. L’Australia non resta a guardare e nel finale sfrutta due indecisioni della difesa azzurra aumentando il divario a proprio favore con McReight e Kuenzle.
 
“Non siamo stati bravi a sfruttare la superiorità numerica –ha dichiarato al termine del match Fabio Roselli, allenatore dell’Italia U20 – e dal punto di vista mentale abbiamo avuto un calo. Nei prossimi giorni analizzeremo al meglio la partita e lavoreremo intensamente per arrivare al match con il Galles nel migliore dei modi. La disciplina sarà uno degli aspetti su cui punteremo l’attenzione: non possiamo concedere troppi calci piazzati agli avversari. Puntiamo al settimo posto e a essere competitivi dall’inizio alla fine del match”.

Antonio Pellegrino

Comments powered by CComment