Saturday 23rd Sep 2017

Dave Chambers - Sunday Times - 

Image: Ruvan Boshoff

“Madiba says yes!”

With these words‚ Archbishop Emeritus Desmond Tutu not only brought down the house but gave his blessing to the Zeitz Museum of Contemporary Art Africa on Friday.

Tutu was the last speaker at the museum’s official opening in the Silo District at the Victoria and Alfred Waterfront in Cape Town‚ and mimicked a telephone conversation with someone MC Africa Melane referred to earlier as “the man above”.

Tutu‚ 85‚ was in high spirits and appeared strong as he joined dignitaries for the cutting of 400 ribbons at the launch of the R500-million museum in the harbour’s 1921 grain silo.

At the end of the telephone “conversation“‚ Tutu announced “Madiba says yes!” to the delight of hundreds of people at the opening‚ including Western Cape Premier Helen Zille‚ Cape Town mayor Patricia de Lille‚ German art collector Jochen Zeitz and architectural designer Thomas Heatherwick.

Zeitz Mocaa houses the largest collection of contemporary African art on the continent. It comprises 100 gallery spaces and is expected to be able to accommodate 800-900 people at a time.

Speaking at the opening ceremony‚ Zille said: “The Zeitz Mocaa will go down in modern history as one of the most iconic facilities to visit‚ not only in Africa but in the world.

“We must also acknowledge the economic value this will add to the province. This iconic museum will attract guests from all over the world. This in turn will create jobs and grow the economy.”

Said De Lille: “Today we are celebrating this museum as a symbol of the confidence we have in being African.

“The museum will be a key attraction to travellers from all over the world and will help us combat seasonality by turning Cape Town into a 365-days-a-year must-see destination.

“I am honoured to be here today and to see Cape Town taking its rightful place among great art cities such as Paris‚ New York‚ Mexico City‚ Vienna‚ and Sao Paulo.”

The museum will be free to all visitors over the opening weekend‚ ending on Monday‚ and will open its doors to paying customers on Wednesday.

Write comment (0 Comments)

TALK SHOW
CHE TEMPO CHE FA
Nuovo inizio per Che tempo che fa il programma di Fabio Fazio, che in questi anni si è affermato come un cult della televisione italiana, riconosciuto anche a livello internazionale, crocevia di grandi nomi - circa 2.500 le personalità ospitate, fino a oggi, dello star system, della cultura, dello sport e della scienza, provenienti dall’Italia e dal mondo.
Protagoniste del programma, come sempre, le “parole”. Tornano, infatti, le interviste one to one di Fabio Fazio ai grandi ospiti, nazionali e internazionali, tanto apprezzate dal pubblico. Tornano anche Luciana Littizzetto, con i suoi interventi diventati un appuntamento fisso per moltissimi e Filippa Lagerbäck. Torneranno le immancabili esibizioni musicali dal vivo e i talk al tavolo a ritmo di una jam session.

In studio in questa puntata: Ennio Morricone, Beppe Fiorello, Pierfrancesco Savino, Takagi&Ketra ft. Lorenzo Fragola e Arisa, Elio Germano, Miriam Leone, Gregorio Paltrinieri, Francesco Gabbani, Alice Rachele Arlanch (Miss Italia 2017). Ospiti fissi al tavolo: Orietta Berti, Nino Frassica, Gigi Marzullo, Vincenzo Salemme e Fabio Volo.

Programmazione
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Domenica 24 Settembre h19.30
BUENOS AIRES Domenica 24 Settembre h20.30
SAN PAOLO Domenica 24 Settembre h20.30
Rai Italia 2 (Australia - Asia)
PECHINO/PERTH Lunedì 25 Settembre h17.00
SYDNEY Lunedì 25 Settembre h19.00
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Lunedì 25 Settembre h00.15

CHE FUORI TEMPO CHE FA

Riparte anche la nuova stagione di Che Fuori Tempo Che Fa che sperimenta una nuova formula con il tavolo alla francese più ristretto.
Ospiti fissi di questo nuovo appuntamento con Fabio Fazio: Fabio De Luigi e Antonio Cabrini.

Ospiti della puntata: Giovanni Soldini, Veronica Pivetti, Marco Tardelli, Massimo Bergamini, Mario Tozzi.

Programmazione
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Lunedì 25 Settembre h21.15
BUENOS AIRES Lunedì 25 Settembre h22.15
SAN PAOLO Lunedì 25 Settembre h22.15
Rai Italia 2 (Australia - Asia)
PECHINO/PERTH Martedì 26 Settembre h20.15
SYDNEY Martedì 26 Settembre h22.15
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Lunedì 25 Settembre h23.30

TV MOVIE
IN ARTE NINO

Regia Luca Manfredi
Interpreti Elio Germano, Miriam Leone, Stefano Fresi, Giorgio Tirabassi, Leo Gullotta
Un ritratto inedito di Nino Manfredi, attore tra i più amati e iconici del Cinema italiano, che ripercorre il viaggio di formazione dell’uomo e dell’artista dal 1943, quando sopravvissuto all’esperienza tragica del sanatorio intraprende gli studi all’Accademia d’Arte Drammatica, fino alla soglia del successo, nel 1958, con la partecipazione a Canzonissima: le radici ciociare e gli anni difficili della guerra a Roma, gli studi di legge imposti dal padre Romeo, gli esordi avventurosi da attore insieme all’amico Buazzelli, l’incontro folgorante con Erminia e, finalmente, il grande successo. Tutto questo è “In arte Nino”, il racconto di una vocazione artistica, di un talento speciale, che con i toni divertenti e disincantati della Commedia rappresenta le speranze di un Paese in rinascita.

Programmazione
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Giovedì 28 Settembre h19.30
BUENOS AIRES Giovedì 28 Settembre h20.30
SAN PAOLO Giovedì 28 Settembre h20.30
Rai Italia 2 (Australia - Asia)
PECHINO/PERTH Venerdì 29 Settembre h17.00
SYDNEY Venerdì 29 Settembre h19.00

CINEMA ITALIA
OCI CIORNIE
(Commedia, 1987)

Cinema Italia in occasione della ricorrenza della nascita di uno dei più conosciuti e apprezzati interpreti italiani all’estero rende omaggio al grande attore Marcello Mastroianni con il film Oci Ciornie, presentato in concorso al Festival di Cannes 1987 che è valso a Marcello Mastroianni il premio per la migliore interpretazione maschile e una candidatura ai Premi Oscar 1988 come miglior attore.

Regia: Nikita Sergeevic Michalkov
Cast: Marcello Mastroianni, Silvana Mangano, Innokentij Michajlovi? Smoktunovskij, Marthe Keller, Elena Safonova

Una mattina, a bordo di un piroscafo, un italiano di mezza età racconta ad un signore russo la storia della sua vita. Gli narra l'incontro tra lui e una giovane russa dagli splendidi occhi neri (oci ciornie), il loro folle amore di una notte e l'improvviso abbandono. Tormentato dal ricordo di quella donna, l'italiano si reca in Russia alla sua ricerca.

Programmazione
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Mercoledì 27 Settembre h19.30
BUENOS AIRES Mercoledì 27 Settembre h20.30
SAN PAOLO Mercoledì 27 Settembre h20.30
Rai Italia 2 (Australia - Asia)
PECHINO/PERTH Giovedì 28 Settembre h17.00
SYDNEY Giovedì 28 Settembre h19.00
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Mercoledì 27 Settembre h20.30

TALE E QUALE SHOW
(1° puntata)
Riparte Tale e Quale Show con dodici nuovi protagonisti e la conduzione di Carlo Conti per undici puntate.
Il cast di questa nuova edizione vede: la showgirl Valeria Altobelli e l’attrice Edy Angelillo; il cantante Federico Angelucci e il conduttore televisivo Filippo Bisciglia; Marco Carta, vincitore del Festival di Sanremo 2009; un’altra showgirl, Alessia Macari e la conduttrice Benedetta Mazza; il tenore Piero Mazzocchetti e la cantante Annalisa Minetti, prima a Sanremo nel 1998. Completa il gruppo uno dei personaggi più eclettici della televisione, Mauro Coruzzi (Platinette), con una “signora” della musica, Donatella Rettore e, infine, con un indimenticato giudice di cinque edizioni precedenti, Claudio Lippi.
A giudicare le performance dei protagonisti sarà una giuria composta da: Loretta Goggi, Enrico Montesano e Christian De Sica.
Alla fine di ogni trasmissione sarà decretato il vincitore di puntata e sarà stilata una classifica parziale che porterà alla proclamazione del vincitore finale. A “decidere” i Big che dovranno essere imitati nella puntata successiva, l’ormai nota “roulette-slot machine”.
Ospite d’onore fuori gara, con le sue missioni “impossibili” e con la sua simpatia, Gabriele Cirilli, fedelissimo del varietà, pronto a nuove “sfide” da portare a termine.
Nel corso delle settimane, i dodici protagonisti saranno preparati dagli integerrimi tutor pronti a curare in ogni minimo dettaglio (vocale e stilistico) i propri “assistiti”: i “vocal coach” Maria Grazia Fontana, Silvio Pozzoli, Dada Loi, e la “actor coach” Emanuela Aureli.

Programmazione
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK/TORONTO Venerdì 29 Settembre h19.30
BUENOS AIRES Venerdì 29 Settembre h20.30
SAN PAOLO Venerdì 29 Settembre h20.30
Rai Italia 2 (Australia - Asia)
PECHINO/PERTH Sabato 30 Settembre h16.45
SYDNEY Sabato 30 Settembre h18.45
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Venerdì 29 Settembre h20.30

CALCIO - SERIE A
SAMPDORIA - MILAN
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Domenica 24 Settembre h06.30
BUENOS AIRES Domenica 24 Settembre h07.30
SAN PAOLO Domenica 24 Settembre h07.30
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Domenica 24 Settembre h18.30
SYDNEY Domenica 24 Settembre h20.30
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Domenica 24 Settembre h12.30

LA GIOSTRA DEL GOAL
All’interno la cronaca della partita INTER - GENOA e l’aggiornamento in diretta dei gol da tutti i campi.

Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Domenica 24 Settembre h08.30
BUENOS AIRES Domenica 24 Settembre h09.30
SAN PAOLO Domenica 24 Settembre h09.30
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Domenica 24 Settembre h20.30
SYDNEY Domenica 24 Settembre h22.30
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Domenica 24 Settembre h14.30

SASSUOLO - BOLOGNA
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Domenica 24 Settembre h12.00
BUENOS AIRES Domenica 24 Settembre h13.00
SAN PAOLO Domenica 24 Settembre h13.00
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Lunedì 25 Settembre h00.00
SYDNEY Lunedì 25 Settembre h02.00
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Domenica 24 Settembre h18.00

FIORENTINA - ATALANTA
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Domenica 24 Settembre h14.45
BUENOS AIRES Domenica 24 Settembre h15.45
SAN PAOLO Domenica 24 Settembre h15.45
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Lunedì 25 Settembre h02.45
SYDNEY Lunedì 25 Settembre h04.45
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Domenica 24 Settembre h20.45

UDINESE - SAMPDORIA
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Sabato 30 Settembre h12.00
BUENOS AIRES Sabato 30 Settembre h13.00
SAN PAOLO Sabato 30 Settembre h13.00
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Domenica 1 Ottobre h00.00
SYDNEY Domenica 1 Ottobre h02.00
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Sabato 30 Settembre h18.00

GENOA - BOLOGNA
Rai Italia 1 (Americhe)
NEW YORK / TORONTO Sabato 30 Settembre h14.45
BUENOS AIRES Sabato 30 Settembre h15.45
SAN PAOLO Sabato 30 Settembre h15.45
Rai Italia 2 (Australia)
PERTH Domenica 1 Ottobre h02.45
SYDNEY Domenica 1 Ottobre h04.45
Rai Italia 3 (Africa)
JOHANNESBURG Sabato 30 Settembre h20.45

PER LE VARIAZIONI SULL’ORARIO DELLA MESSA IN ONDA SI PREGA DI CONSULTARE LA GUIDA TV SU WWW.RAITALIA.IT

Per contattare Rai Italia scrivete a: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Write comment (0 Comments)

Roma - Venezuela, Brexit, servizi consolari, risorse, nuova mobilità, voto all’estero, promozione di lingua e cultura italiana nel mondo: sono i temi affrontati da Luigi Maria Vignali, direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri ascoltato il 14 settembre dal Comitato permanente sugli Italiani nel mondo e la promozione del sistema paese della Camera, presieduto da Fabio Porta. “Le collettività italiane, sia quelle tradizionali che quelle future, sono una risorsa importante a prescindere dalle risorse finanziarie, sono un soft power straordinario nel mondo che dobbiamo coinvolgere e impegnare in termini di Sistema Paese - ha detto Vignali -. L’enfasi sui servizi, sulla lingua e cultura italiana, vanno in questo senso. Le collettività italiane all’estero sono a livelli elevatissimi e dobbiamo tenerle agganciate al Sistema Paese. Ecco perché il tema dei servizi e delle risposte che potremmo dare sono così importanti”, ha concluso Vignali.

BREXIT: METTERE IN SICUREZZA I DIRITTI DEI CITTADINI

Roma - Il direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri esprime “preoccupazione per quello che sta accadendo nell’ambito dei negoziati per la Brexit. La nostra priorità negoziale è stata sempre tutelare i diritti dei cittadini e della nostra collettività italiana, ma allo stato attuale si va affermando ancora l’impostazione per cui non ci sarà nessun accordo finché tutto il negoziato non sarà concluso. Ci sono segnali di preoccupazione sull’esito finale del negoziato legati ad altre dinamiche, ma anche sui diritti dei cittadini ci sono schermaglie negoziali”. “Uno dei nodi più importanti – spiega Vignali - è il contributo finanziario britannico, si parla di 78 miliardi di euro che il Regno Unito dovrebbe all’Europa e il rischio è che non si arrivi a un accordo entro marzo 2019. Vorrei ribadire l’importanza del tema della tutela dei cittadini non solo in termini sostanziali ma anche temporali”. “Se il negoziato fallisse almeno i diritti cittadini europei vanno tutelati. Dobbiamo mettere in sicurezza questi diritti – ha affermato Vignali -. I segnali non sono incoraggianti e per questo dobbiamo fare molta attenzione al negoziato, spingere a una soluzione prioritaria per i cittadini, anche dal punto di vista amministrativo e procedurale: le procedure di riconoscimento devono essere semplificate”.

AIRE: 1 MILIONE DI NUOVE ISCRIZIONI NEGLI ULTIMI 5 ANNI

Roma - “La nuova mobilità verso l’estero è una priorità, una sfida con la quale dovremmo confrontarci. Il paese non è consapevole dell’importanza di questa mobilità italiana in ordine di grandezza. Abbiamo avuto negli ultimi cinque anni un milione di nuove iscrizione all’Aire. Nel 2016 sono andati all’estero da un minimo di 120mila italiani a, secondo alcune stime, 200-250mila italiani. Si tratta di un flusso importante di cui non si ha consapevolezza e questo è un problema”, ha affermato ancora il direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri.

BROCHURE PER L’ISCRIZIONE ALL’AIRE

Roma - Vignali annuncia che è in preparazione “una brochure per l'iscrizione all'Aire che sarà veicolata sia attraverso il web che in formato cartaceo”. Secondo Vignali “più iscritti all’Aire non si tradurranno in un aumento della pressione sui servizi consolari, perché in realtà la pressione già c'è. Io voglio dimostrare quanti sono gli italiani all’estero anche per ottenere più risorse. La campagna andrà avanti anche perché ci sono dei temi importanti su cui è necessario fare chiarezza con gli italiani all’estero come la doppia imposizione fiscale”.

LA NUOVA MOBILITA’ CHIEDE SERVIZI DIVERSI

Roma - Secondo Vignali “dobbiamo renderci conto che anche se il fenomeno della nuova mobilità non è negativo di per sé, c’è comunque un impoverimento del paese. Sono risorse su cui abbiamo investito anni e risorse dello Stato che vengono reinvestite all’estero. C’è un problema di impoverimento e di impatto in termini di servizi da prestare a questa nuova mobilità, che si va ad aggiungere alla presenza tradizionale degli italiani all’estero (5 milioni di italiani iscritti all’Aire)”. I nuovi italiani all’estero “chiedono nuovi servizi, diversi da quelli che diamo all’emigrazione tradizionale. Chiedono in primo luogo integrazione, studiare la lingua del posto, servizi innovativi, digitali, un’attenzione rinnovata da parte delle strutture consolari a cui dobbiamo saper rispondere”.

LA RETE CONSOLARE HA RISORSE NON ADEGUATE

Roma - Il direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri rinnova “l’impegno ad affrontare il tema della nuova mobilità come ministero degli Esteri e invito a mantenere alta l’attenzione sul fenomeno perché ne sia diffusa consapevolezza nel paese e stanziate risorse adeguate”. “Evidentemente il tema dei servizi è quello più importante e su questo lasciatemi dire che ho molto apprezzato un cambio di intonazione e registro da parte di esponenti politici nei confronti dei servizi consolari – sottolinea Vignali -. Un apprezzamento per l’impegno del ministero, del suo personale, dei diplomatici, per fornire servizi ma la constatazione che le risorse non sono adeguate”. Questo cambio di registro, secondo Vignali, è “un sostegno forte di cui voglio sottolineare l’apprezzamento verso la Farnesina e i consolati affinché vengano stanziate risorse finanziarie e umane adeguate. Abbiamo lo stesso obiettivo perché c’è una soglia minima di gestione dei servizi al di sotto della quale, senza risorse soprattutto umane adeguate, è difficile operare”.

PERCEZIONI CONSOLARI PER RAFFORZARE I SERVIZI

Roma - “Per fornire risposte” alle risorse non adeguate per la rete consolare italiana all’estero “vorrei menzionare la prospettiva di poter disporre di parte delle percezioni consolari pagate dai connazionali, trattate dai nostri funzionari consolari. Si parla di 150 milioni di euro ogni anno di percezioni consolari, 60 milioni di percezioni classiche e 90 milioni sui visti. Almeno parte di questo ingente flusso di risorse dovrebbe poter tornare con un provvedimento ad hoc, per rafforzare le strutture consolari, rafforzare i servizi digitali, dotare alcune sedi di digitatori in grado di ‘sgrossare’ le pratiche”, ha proposto Vignali. Secondo Vignali “si può fare molto con una piccola percentuale. Rinnovo l’invito a trovarci anche su questo tema, verso lo stesso obiettivo dal momento in cui si sta avvicinando la legge di bilancio. Le risorse dovranno essere reindirizzate verso la rete consolare, prioritariamente e categoricamente indirizzate ai consolati”. “La norma dei 300 euro in questa prospettiva è scritta bene e un eventuale provvedimento sulle percezioni consolari dovrà essere scritto in termini analoghi”, conclude Vignali facendo riferimento all’emendamento approvato alla Legge di Bilancio con il quale 4 milioni delle percezioni derivanti dai 300 euro versati per il riconoscimento della cittadinanza italiana vengono assegnati, con decreto del Ministro delle Finanze, al ministero degli Esteri per essere destinati proporzionalmente ai consolati che hanno operato le percezioni per il rafforzamento dei loro servizi.

LINGUA ITALIANA: L’IMPEGNO PER RISORSE STABILI

Roma - Per quanto riguarda le risorse destinate alla lingua e alla cultura italiana nel mondo c’è “l’impegno dell’amministrazione a dare una stabilità ai fondi e in questo io sono un vostro alleato”, ha assicurato il direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri, rispondendo alla deputata del Pd eletta all’estero, Laura Garavini, che chiedeva che le risorse stanziate fossero “strutturali”. -

AL VIA IL CONFRONTO CON I PATRONATI

Roma - “Il confronto con i patronati per il rafforzamento dell’offerta dei servizi consolari è una delle mie prossime scadenze operative. Lanceremo il confronto”, ha detto il direttore generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie del ministero degli Affari esteri.

VOTO ESTERO: ALLINEAMENTO DELLE BANCHE DATI

Roma - Per quanto riguarda la preparazione elettorale del voto estero “stiamo lavorando – ha detto Vignali - per l’allineamento delle banche dati, avremo un appuntamento con la Corte d'Appello di Roma che gestisce lo scrutinio a Castelnuovo di Porto. Stiamo preparando la bonifica degli schedari”. - (NoveColonneATG)

Write comment (0 Comments)

ROMA - Come evitare la doppia imposizione, come funziona il credito per le imposte pagate all’estero, quando è necessario iscriversi all’Aire: sono alcuni dei temi trattati nella nuova guida online dell’Agenzia dedicata ai lavoratori italiani all’estero. La brochure, curata dall’ufficio Comunicazione delle Entrate, è disponibile nella sezione “L’Agenzia informa” del sito dell’agenzia delle Entrate, ed è volta a garantire un accesso semplice e intuitivo alle informazioni sugli argomenti fiscali di maggior interesse.

Le imposte all’estero dalla A alla Z: Dal concetto di residenza fiscale, per chiarire come, dove e in che modo i lavoratori all’estero devono pagare le tasse, alle convenzioni contro le doppie imposizioni, per evitare il pagamento delle imposte sia nel Paese di produzione del reddito sia in quello di residenza. La guida delle Entrate illustra i punti chiave utili a chiarire a tutti i contribuenti le regole fiscali che si applicano a chi lavora all’estero ma ha ancora la residenza in Italia e quelle valide per chi è iscritto all’Aire, l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero.

Iscrizione all’Aire e credito d’imposta, come mettersi in regola con la voluntary: Un capitolo della pubblicazione online, inoltre, è rivolto a chi, per vari motivi, non si è iscritto all’Aire e non ha presentato la dichiarazione dei redditi per gli anni precedenti ma vuole rimediare. Infatti, in base al Dl n. 50/2017, fino al 30 settembre 2017 questi contribuenti potranno evitare di perdere il diritto al credito per le imposte pagate all’estero a titolo definitivo, presentando domanda di accesso alla procedura di “collaborazione volontaria” e indicando in essa i redditi di lavoro dipendente o di lavoro autonomo in precedenza non dichiarati in Italia. La guida è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate al seguente percorso: L’Agenzia > L’Agenzia comunica > Prodotti editoriali > Guide fiscali. (Inform)

Write comment (0 Comments)

Trieste - Il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia Franco Iacop ha incontrato una decina di giovani discendenti da famiglie di origine giuliana e istriana, che in questi giorni stanno seguendo uno stage formativo della durata di due settimane, giunto alla diciannovesima edizione, promosso dall'associazione Giuliani nel Mondo. I giovani, che erano accompagnati dal presidente dell'associazione Dario Locchi e dal direttore dell'Ues (Unione emigranti sloveni) Renzo Mattelig, provengono da Argentina, Sudafrica, Australia, Brasile e Uruguay.

Questa iniziativa - ha evidenziato Locchi - si inserisce all'interno di un programma articolato che abbiamo sviluppato assieme a Efasce, Eraple e Ues, quest'ultima come organizzazione capofila, e a questi giovani cerchiamo di far conoscere direttamente ciò che hanno appreso dai racconti dei loro genitori e dei loro nonni. Alcuni parlano poco l'italiano e questo stage serve anche a perfezionare la loro lingua d'origine, oltre a far conoscere, grazie a una serie di incontri e visite, le realtà istituzionali, culturali, scientifiche ed economiche della regione, aumentando così il loro bagaglio personale e la percezione delle radici delle loro famiglie.

Il Friuli Venezia Giulia - gli ha fatto eco Mattelig - è l'unica regione in Europa dove si parlano quattro lingue, come riportato anche all'ingresso di questo palazzo. Ospitare questi giovani significa rafforzare il loro senso di appartenenza a una regione realmente speciale.

Il presidente Iacop ha plaudito a questa iniziativa, di cui la Regione è particolarmente fiera perché consente a chi vi aderisce di tornare a vivere nei luoghi d'origine delle loro famiglie, conoscerli e apprezzarli grazie a un'esperienza diretta. Viviamo in un mondo con un respiro sempre più internazionale - ha aggiunto Iacop - i nostri giovani conoscono l'Europa studiando grazie a progetti come l'Erasmus e questa dimensione è per loro un arricchimento. Con questi stage vogliamo offrire possibilità analoghe anche a voi - ha concluso - perché possiate beneficiare di questo multilinguismo per trasferirlo oggi nello studio e domani come opportunità di lavoro.

Assieme ai giovani c'erano anche tre coppie di emigrati ultrasettantenni che partecipano a un'iniziativa parallela che prevede per loro un periodo di soggiorno: due sono originarie di Fiume e vivono a Sydney e una di Lussinpiccolo e risiede a Johannesburg. - (NoveColonneATG)

Write comment (0 Comments)