Wednesday 24th May 2017

Zodidi Dano - Cape Argus - 

Cape Town - Calls for a commission of inquiry into child murders are being echoed by various organisations, communities and child-care activists as they struggle to deal with yet another brutal child slaying in the Western Cape.

The rape and murder of three-year-old Courtney Pieters brings to 19 the number of children killed in the province since the beginning of the year.

Valdi van Reenen-le Roux, of The Trauma Centre, said: “This has to stop! How many more children have to die?” Her organisation is spearheading the call for a commission of inquiry into child murders in the province.

Van Reenen-Le Roux’s call has gained the support of other organisations, including the Centre for the Study of Violence and Reconciliation and Mosaic.

“Too many children are dying terrible deaths because of violence.

“Courtney’s body was found in a shallow grave. Her slaying occurred as the Lavender Hill and Tafelsig families and communities of murdered Rene Roman, 13, and Stacha Arendse, 11, were still reeling from the brutality of their deaths.”

Since the beginning of the year, the centre has provided trauma-bereavement counselling to 25 family members, 354 pupils and friends of deceased children.

National Prosecuting Authority spokesperson Eric Ntabazalila, said 12 child murder cases would be heard in the high court.

The calls for a commission of inquiry have been directed at Premier Helen Zille. In 2009, Zille was set to appoint a provincial Children’s Commissioner, but nothing came of it. Hugo van der Merwe of the Centre for the Study of Violence and Reconciliation said a commission would be a public acknowledgement of the scale of the problem.

“Often there is a public outcry, which dies down and is then rehashed when another incident occurs. We want to have a clear understanding of the trend of the killings, the locations, hot spots and look at causes. In this case, at the moment, we are too crisis driven We need to look at preventative measures,” he said.

Civil organisations are seeking an integrated approach from government departments, communities and parents to protect children.

Zarina Majied, advocacy manager at Mosaic, said the local education department needed to re-educate children on safety. “Growing up, children were taught not to talk to strangers, but now we have seen it’s not just strangers who commit these heinous acts, it’s also people whom they trust. Our children need to be made aware of what is happening.”

Majied said the Health Department too had a role to play. She questioned whether children visiting health facilities were being checked for signs of abuse.

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Cape Argus

Write comment (0 Comments)

Welcome remarks by Deputy President Cyril Ramaphosa, Chancellor of the University of Mpumalanga, at the 2017 Graduation Ceremony - 

Vice Chancellor of the University of Mpumalanga, Prof TV Mayekiso,
Chairperson of Council, Dr MD Mabunda,
Our Guest Speaker, Mr Thulani Nzima,
Parents, Scholars and Graduands,
Esteemed Guests,
Ladies and Gentlemen,

I am pleased to welcome you all to the University of Mpumalanga. This graduation is an occasion of great joy for our University. It is one of many firsts as we work to build the academy, eminence and distinction of the University of Mpumalanga.

Though still in its infancy, the university is proud of what it has achieved. The infrastructure of the institution is taking shape. But, more importantly, it is building the instruments of academic instruction, graduating the first cohort of students who began their course of study at this university.

It is also undoubtedly a precious moment for the graduands, their families, friends and teachers. Obtaining a higher education qualification is no easy feat.  Not only does it require academic ability and a firm commitment to one’s studies.

It also requires the will and determination to overcome the social and economic barriers of a society that is slowly emerging from a past of deprivation and dispossession. The young people who are graduating today are not the sons and daughters of the privileged. They are the offspring of those who have toiled, who have struggled and who have sacrificed much to build a better future for their children.

Today, we celebrate not only those who have earned their degrees and diplomas, but also those who have made this possible – their parents, their families and their communities. A graduation is not only a moment for celebrating achievement. It is as much a moment to pause, think and reflect on the future. It is an opportunity for all of us, congregated here together, to send the learned off into the various stations they will occupy in life.

Much as it is a time to ululate and blow horns, it is also an opportunity for new beginnings. It is an opportunity to reflect with honesty and with humility on the responsibilities an education confers. Today you will become men and women of letters. You will be robed with knowledge and capped with learning, and thus become part of the league of the educated for the rest of your lives.

Those who have enjoyed the opportunity of attending a university will know that this responsibility is as daunting as it is exciting. Knowledge is a benefit meant not for you or your families alone. It is something to share.

Its obligations are more pronounced in a country like South Africa – a country where access to decent education has been frustrated for generations, where the capabilities of our people have been deliberately stunted.

So with this graduation, you are given the key to open the doors of opportunity, not only for yourselves, but also for others. In a country that has suffered centuries of oppression, with widespread poverty, inequality and unemployment, an educated person is a national asset.

You must innovate, contribute and create new opportunities for inclusive and sustainable development. This is the responsibility you bear as a graduate of the University of Mpumalanga. You carry the hopes and aspirations of many who came before you, those who fought a titanic battle for you to be here. Now it is your turn to do it for others.

Go out there and enhance the freedom of our people.
Go out there and open new avenues of hope, opportunity and achievement.
Go out there and shine the light on Africa, make the world your stage and dance with the pride of having made something of the dreams of your forbearers.
Go out there to build a united, non-racial, non-sexist, just and prosperous South Africa.

Now, with this qualification, the world is yours to make.
The future is yours to determine.
So embrace it.
It is now in your hands.

Write comment (0 Comments)

L'assembea generale dei soci del Fogolar Furlan del Capo, che era stata convocata per domenica prossima, 28 maggio, è stata rinviata per circostanze impreviste di due settimane e si terrà quindi nella sede del Club Italiano di Rugby domenica 11 giugno. La segreteria del sodalizio terrà informati i soci con una prossima circolare.

Questa la comunicazione inviata ai soci:

Due to unforeseen circumstances our AGM has been postponed to Sunday 11 June.
Apologies for any inconvenience caused.

Write comment (0 Comments)

Mario Angeli dal suo balcone italiano -

Quando Matteo Renzi si affacciò alla scena politica italiana, con quella sua ramazza in mano, figurata, sì, ma non meno reale, con la quale intendeva spazzar via non tanto il vecchio della politica, che di per sé stesso non può essere considerato semplicisticamente sinonimo di scadente, ma piuttosto liberare la nazione dalle scorie del vecchiume parassita che da decenni gestiva la vita pubblica, da destra, da sinistra e dal centro a volte mescolandosi fra gli schieramenti in modo gelatinoso pur di restare al potere, molti, convinti o fingendo, celebrarono l’uomo nuovo come portatore di innovazioni e riforme tali da cambiare la faccia della seconda (o terza) Repubblica e, soprattutto, dell’Italia.

 

In poche parole si pensò che Matteo Renzi avrebbe fatto i piedi alle mosche; bisogna riconoscere che fu lui stesso, magari non del tutto volontariamente, a creare questa aspettativa, tanti sono stati, prima e durante il suo governo, gli annunci, i farò, cambierò, riformerò, trasformerò, le promesse, i progetti che in buona parte non giunsero in porto.

 

Foga giovanile? Eccesso di ambizione? Scarsa competenza sua e dei suoi collaboratori?

 

Probabilmente ci furono tutte queste componenti ed altre ancora nell’insuccesso renziano: non c’è dubbio che alcuni suoi ministri se ne uscirono talora con sparate davvero stravaganti, per la verità una inezia rispetto alle stramberie che dicono e fanno altri governanti in giro per il mondo, Sudafrica compreso, e che ciononostante restano tenacemente avvinghiati alla loro lucrosa poltrona.

 

Renzi fin da subito diede l’impressione, anche in chi lo vide con simpatia apparire sulla scena pubblica, di non cogliere appieno la complessità dei problemi o di progettarne le possibili soluzioni in modo un poco semplicistico, vedasi, ad esempio, i problemi legati all’economia ed al lavoro.

 

Quanto alla giovane età, allo slancio vitalistico ad essa congenito e ad una certa intemperanza caratteriale, credo che tutto ciò sarebbe potuto essere un toccasana per la pachidermica politica romana e per la tentacolare burocrazia ministeriale, che però videro il giovane capo del governo come il fumo negli occhi, per usare un altro aforisma, avversandolo tenacemente; ma lo scivolone del referendum costituzionale gli precluse i suoi ambiziosi traguardi.

 

Anche l’ovvia sua inesperienza fu ipocritamente addotta come un ostacolo al buon governo, quasi a dire che, siccome l’esperienza si consolida solo attraverso lunghi anni di pratica, un giovane potrà ricoprire importanti incarichi di governo solo dopo uno sfiancante apprendistato, quindi quando non sarà più giovane.

 

In aggiunta alla lotta durissima che quotidianamente combatterono contro Renzi alcuni giornalisti, orfani degli assalti a cui erano abituati ai tempi di Berlusconi, che offriva in continuazione succulenti e boccacceschi spunti per riempire le vuote pagine dei loro giornali, i nemici che maggiormente lo ostacolarono furono quegli stessi personaggi del suo partito che lui, usando in modo superficiale la sua ramazza, non aveva rimosso dal potere, soprattutto quello sotterraneo, ma aveva solo accantonati, come quando, raccogliendo le foglie secche con la scopa di saggina le si ammucchia in un angolo: basta un refolo di vento per sparpagliarle dov’erano prima.

 

Il tarlo, silenzioso e paziente, rode e corrode, spesso neppure dando evidenti segni all’esterno, ma il suo lavoro procede inesorabile, fino a quando il bel piedino dell’elegante petineuse della nonna cede di schianto, rovesciando rovinosamente a terra i preziosi soprammobili di vetro di Murano o di porcellana di Capodimonte, ricordi di una vita.

 

Alla fine non fu lui a fare i piedi alle mosche, ma i suoi avversari a fare le scarpe a lui.

 

A dire il vero fu lui stesso ad impegnare la propria caduta, legando il suo governo all’esito del referendum costituzionale, occasione che gli avversari esterni ed interni al suo partito colsero al volo per organizzarne il passo indietro.

 

Ora sembra che le primarie del PD lo stiano riportando alla ribalta, si pensa più prudente e saggio, mentre i suoi storici avversari, temendo che questa volta la ramazza svolga definitivamente il suo lodevole lavoro, hanno pensato bene di fondare un nuovo partito, dove finalmente, ritrovandosi in tre o quattro, riproveranno il brivido del primato, senza fastidiosi concorrenti.

 

Sempre a Roma, un altro personaggio, pur essendo senza né arte né parte, ha tentato di fare le scarpe alle mosche, illudendosi di saper governare da sindaco una città spaventosamente complessa come la capitale, confidando forse in collaboratori di alto profilo, mai trovati, e nel telesoccorso del suo mentore comico.

 

Considerate le premesse, i risultati ottenuti finora non potrebbero che essere comici, ma in realtà virano al tragico, perché stanno precipitando Roma in una situazione di degrado che anche dall’estero guardano allibiti e, da chi ama l’Italia, addolorati.

 

Eppure Virginia Raggi si presentò con il piglio giusto: giovane, graziosa, esperta di tutto, con la soluzione per ogni problema, decisa a circondarsi subito di valenti assessori: insomma, forse un po’ troppo maestrina, ma comunque col piglio di una pronta a fare le solite scarpe alle mosche.

 

Purtroppo durante questo suo primo anno di mandato i cronici problemi di Roma, la viabilità ed i rifiuti urbani, per citarne due, si sono progressivamente aggravati, le soluzioni sono approssimative e le colpe la sindaca le attribuisce non alla propria inadeguatezza ma le scarica sui “poteri forti” che tramerebbero contro di lei e, in una ininterrotta catena a ritroso, ai predecessori ed a quanti governarono Roma prima di lei; meno male che non si è spinta fino al periodo di Roma imperiale, altrimenti qualcuno le potrebbe far notare che Augusto ebbe grande cura della viabilità e della rimozione dei rifiuti dalle strade di Roma e che Vespasiano inventò i preziosi orinatoi pubblici.

 

Peccato, perché anche Raggi, come Renzi, è giovane ed i suoi insuccessi, abbinati ad un’età quasi adolescenziale, rispetto agli abituali parametri della politica italiana, non vorrei che rafforzassero il dubbio che per governare occorre aver compiuto una certa età, come un tempo, ce lo ricorda Manzoni nei Promessi Sposi, per fare la perpetua bisognava aver superato l’età sinodale dei quaranta, nella speranza che la concupiscenza dei preti non venisse troppo solleticata da una domestica non più giovanissima, secondo almeno i canoni dei secoli addietro.

 

I Francesi, che non si tirano mai indietro quando c’è da pungere l’Italia, hanno prontamente irriso l’immondizia romana, scrivendo sul Nouvel observateur del 13 maggio che Roma “somiglia più a Calcutta che a Berlino, crolla sotto la spazzatura, non è mai stata così sporca” e ancora che la città eterna “non offriva un tale spettacolo nemmeno nell'immediato dopoguerra, quando si vedevano pecore attraversare piazza del Popolo”; l’impietoso articolo si conclude con l’affermazione che Virginia Raggi "è l'illustrazione perfetta dell'incompetenza dei grillini".

 

E costei avrebbe voluto e dovuto fare i piedi alle mosche?! Forse riuscirebbe non dico a raggiungere questo obiettivo, ma almeno a ridare maggior decoro e dignità ad una delle più belle città del mondo, se si sganciasse di più dal suo garante che sembra essere il sindaco-ombra di Roma, il quale, notizia fresca, si è appena proclamato alle porte di Assisi “il vero erede di San Francesco”, innalzando al cielo non una croce, con la quale forse ha poca dimestichezza, ma una torcia, simbolo del sole dell’avvenir.

 

Non ho trovato fonti storiche certe, ma credo che il tenero amore di San Francesco per lupi, tortore ed altri uccelli si allargasse anche ai somari.

Mario Angeli

Write comment (0 Comments)

Sommario: Arabia Saudita, Corea del Nord, Iran, Iraq - 

Arabia Saudita

Nell’ambito della prima visita del Presidente Trump nella regione, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno preparato un documento contenente alcune proposte e condizioni per rivitalizzare le loro relazioni con Israele. Il documento sarà discusso a Riyadh durante il fine settimana, prima che Trump si rechi a Gerusalemme. Nello specifico, i Paesi del Golfo, di cui Riyadh e Abu Dhabi si fanno portavoce, consentirebbero agli aerei israeliani di sorvolare lo spazio aereo dei loro Stati, sarebbero propensi ad adottare misure per normalizzare i commerci con Israele e offrirebbero l’apertura di linee dirette di telecomunicazione. In cambio, si chiede che Israele non si opponga alla ripresa del processo di pace israelo-palestinese, congeli i piani per nuovi insediamenti in Cisgiordania e ammorbidisca i controlli di sicurezza lungo il confine con la Striscia di Gaza. La posizione compatta espressa dai Paesi del Golfo non sembra trovare riscontro a Tel Aviv. Infatti, qualora il Primo Ministro Netanyahu decidesse di riaprire il processo di pace, si scontrerebbe con una durissima opposizione all’interno della compagine di Governo, poiché le formazioni più tradizionalmente conservatrici, come La Casa Ebraica di Naftali Bennett, hanno a più riprese manifestato la loro contrarietà e minacciano di aprire una crisi. Ad ogni modo, indipendentemente dall’esito che avrà la proposta, l’iniziativa saudita e emiratina segnala la volontà di rafforzare e ampliare il loro dialogo con Israele, finora passato tramite canali informali, in nome del comune interesse nel contrastare la crescita dell’influenza iraniana nella regione.

Corea del Nord

Il 14 maggio la Corea del Nord ha condotto un nuovo test missilistico nel Mare del Giappone. La traiettoria del Hwasong-12,in grado di trasportare una testata nucleare di grandi dimensioni, ha raggiunto l’altitudine record di più di 2000 km con gettata di più di 700 km, arrivando per la prima volta più vicino alla costa russa che a quella giapponese. Dall’inizio del mandato di Kim Jong-Un lo sviluppo di un arsenale atomico, che implica il parallelo rafforzamento del programma di ricerca nucleare e di quello balistico, è diventato un fondamento della direttrice politica nordcoreana, che considera l’acquisizione di una capacità di deterrenza nucleare un pilastro fondamentale per il rafforzamento dello Stato. L’intensificazione della frequenza di test missilistici e nucleari nell’ultimo anno e mezzo ha messo a rischio la sicurezza dell’intera area, destando preoccupazioni per i principali attori coinvolti. L’acuirsi delle tensioni, infatti, aveva indotto gli Stati Uniti, nelle settimane precedenti, ad alzare i toni e a considerare un approccio più muscolare alla minaccia nucleare di Pyongyang. Questa ipotesi, tuttavia, non sembra riscuotere successo tra gli Stati della regione, soprattutto da parte di Cina e Corea del Sud, che continuano a sostenere la fattibilità della soluzione diplomatica. Un primo passo in questa direzione potrebbe arrivare dal neo-eletto Presidente sudcoreano Moon Jae-In, che aveva incentrato gran parte della campagna elettorale nella ricerca di un canale di intesa con la Corea del Nord e sembrerebbe ora disposto a dialogare con la Cina per trovare un punto di incontro con il quale risolvere le tensioni create dall’installazione del sistema anti-missilistico statunitense THAAD in Corea del Sud. Da parte sua, il governo cinese, nel febbraio 2016 ha per la prima volta aderito alle sanzioni internazionali contro il regime nordcoreano, sta cercando di sfruttare l’ascendente economico che ancora esercita su Pyongyang per cercare di sensibilizzare il regime ad aprirsi ad una trattativa.  In questo contesto, i contatti informali avvenuti tra una delegazione di Pyongyang e di Seoul a Pechino, lo scorso 14 maggio, a margine del convegno internazionale One Belt One Road ospitato dal governo cinese, lascerebbero presupporre che primi e ufficiosi contatti tra  le parti in causa siano già stati avviati.
 
Iran

Il 16 maggio il vicepresidente Eshaq Jahangiri, esponente dei moderati, si è ritirato dalla corsa alle elezioni presidenziali iraniane del 19 maggio, e ha espresso pieno supporto al Presidente uscente, Hassan Rouhani. La decisione è seguita all’analogo gesto compiuto dal sindaco di Teheran Mohammad-Bagher Ghalibaf, il giorno prima, con il quale l’ormai ex candidato ultra-conservatore ha dichiarato il proprio sostegno al rivale interno al fronte tradizionalista, Ebrahim Raisi. Il passo indietro dei due candidati sembrerebbe poter influenzare in modo significativo gli equilibri delle elezioni: se, infatti l’attuale Presidente Hassan Rouhani si conferma come candidato di punta dell’ala moderato-riformista, Ebrahim Raisi si accredita ora come unico candidato del fronte ultra-conservatore, fino ad adesso diviso al proprio interno. In particolare, il ritiro del riformista Jahangiri e l’espresso invito a votare in favore dell’attuale Presidente Rouhani sembrerebbe ricalcare la strategia delle elezioni del 2013, quando Mohammed-Reza Aref si ritirò al fine di canalizzare i suoi voti verso il pragmatista Rouhani. L’appoggio del fronte riformista, rafforzato dal supporto dell’ex Presidente Mohammad Khatami espresso pochi giorni fa, potrebbe accrescere il consenso di cui Rouhani sembra già godere, essendo considerato il candidato favorito dai più recenti sondaggi. Il Presidente ha infatti ottenuto anche il sostegno della frangia conservatrice moderata che si discosta dalle posizioni ultraconservatrici e che si apre verso un dialogo con i pragmatisti, la cui figura di riferimento è l’attuale speaker del Parlamento Ali Larijiani. Nonostante un simile appoggio trasversale alle forze politiche interne, è comunque probabile che Rouhani non ottenga la maggioranza assoluta al primo turno delle elezioni e che sia necessario andare al ballottaggio del 26 maggio. Nonostante concorrano alla presidenza anche gli ex ministri Mostafa Hashemi-Tabae Mostafa Mir-Salim, appare possibile ipotizzare che il testa a testa finale potrà giocarsi proprio tra il Presidente uscente e Raisi, in un confronto decisivo che potrebbe condizionare l’impostazione politica del governo che si insedierà già nelle prossime settimane.
 
Iraq

Il 15 maggio le milizie sciite irachene delle Forze di Mobilitazione Popolare (PMF, Hashd al-Shaabi) hanno preso il controllo di circa 20 villaggi ancora occupati dallo Stato Islamico (IS) nella regione di al-Qayrawan e Baaj, a ovest di Mosul. L’offensiva, soprannominata “Operation Muhammad Rasulullah”, si sviluppa lungo la direttrice che collega Mosul alla Siria e a ridosso dell’area di Sinjar, controllata dai Peshmerga curdi. I Peshmerga non sono stati preavvertiti dell’operazione, come confermato in conferenza stampa dal Primo Ministro iracheno Haider al-Abadi. L’unilateralità della decisione delle PMF, organizzazione ombrello formata da circa 40 gruppi militanti, e la conseguente mancanza di coordinamento, potrebbe far riemergere gli attriti tra fra i due gruppi e, più in generale, tra Erbil e Baghdad. Infatti, al pari di altre aree come quella di Kirkuk, la regione di Sinjar è storicamente contesa fra i curdi iracheni e l’autorità centrale di Baghdad. La liberazione dall’IS da parte di milizie governative sciite e l’eventuale instaurazione di un’amministrazione dipendente da Baghdad potrebbero avere l’effetto di riavvicinare la popolazione locale all’autorità irachena, volgendo così la disputa almeno parzialmente in favore di Baghdad. Non si può escludere che la riconquista di altri villaggi da parte delle PMF possa alimentare ulteriori tensioni con i Peshmerga, che hanno già manifestato il loro disappunto per l’offensiva, inducendoli a incrementare il loro dispositivo militare nell’area in funzione deterrente. Inoltre, le azioni militari della “Operation Muhammad Rasulullah” potrebbero portare le PMF a controllare una porzione di confine siro-iracheno. La zona in questione potrebbe rivestire una certa importanza strategica qualora le PMF, come paventato più volte nei mesi scorsi, decidessero di sferrare un’offensiva in Siria, verso la vicina Deir ez-Zour.

Write comment (0 Comments)