Sunday 25th Jun 2017

Il Fogolar Furlan del Capo partecipa al lutto della famiglia Battiston per la perdita della loro mamma, nonna e bisnonna Fiorina. Alle famiglie Battiston e Borean anche le nostre sentite condoglianze.

Dear Members,

It is with deep sadness that we inform you that beloved wife, mother, grandmother and great grandmother, Fiorina Battiston passed away on 17th June.

Fiorina served on our committee for many years in the 90s and was a pillar of our Fogolâr.

Our sincere condolences to Graziella, Luciana, Angelo, Fiorina’s eight grandchildren, ten great grandchildren and extended family.

Please note that the funeral for Fiorina Battiston will be on

4 July ’17 at 10.30am St Pius 10th Catholic Church, Lympleigh Road, Plumstead.

Write comment (0 Comments)

Address by Deputy President Cyril Ramaphosa at the Gordon Institute of Business Science, Illovo, Johannesburg - 

Programme Director, Ms Katie Kilpatrick,
Dean of GIBS, Professor Nicola Kleyn,
Distinguished Guests,
Ladies and Gentlemen,

In just under a week’s time, South Africa will celebrate the 62nd anniversary of the adoption of the Freedom Charter at the Congress of the People in Kliptown.

The Freedom Charter is a good starting point for our discussion this afternoon because it captures perfectly the intent and, to some extent, the content of radical economic transformation.

It was at the Congress of the People that representatives of the people of this country gathered to declare that: “The People Shall Share in the Country’s Wealth.”

They said:

“The national wealth of our country, the heritage of South Africans, shall be restored to the people.”

Given the extent of dispossession, discrimination, exploitation and exclusion, this call in the Freedom Charter was a call for radical and fundamental economic transformation.

Over the intervening six decades, the principles of redress, redistribution, social justice and equality have been at the centre of ANC economic policy.

These principles have underpinned the ANC’s policies in government, notably in the Reconstruction and Development Programme and the National Development Plan (NDP).

At the ANC’s Mangaung Conference in 2012, the organisation adopted the NDP as an overarching framework for the second phase of our democratic transition – the pursuit of socio-economic freedom.

The Mangaung Conference recognised that in the nearly two decades since the advent of democracy, political freedom had largely been achieved.

The priority now was to pursue economic freedom.

The term ‘radical economic transformation’ was first used in the Medium-Term Strategic Framework, which was adopted by government in 2014 to guide the work of this current administration.

The MTSF 2014-2019, which is derived from the NDP, introduced the term to signal an intensification and acceleration of the economic transformation process.

Radical economic transformation is therefore not a break with existing policy.

It does not represent a new, uncertain path.

Radical economic transformation indicates a new phase of accelerated implementation of the long-standing economic policy positions of the ANC and government.

Part of the problem with the current conversation about radical economic transformation is that the term has often been misused, misrepresented or misunderstood.

We now know that some highly-paid PR specialists contrived a plan to use terms like “radical economic transformation” and “white monopoly capital” to launch a publicity offensive in defence of their clients.

It was part of defining a new narrative where those who stood in the way of their clients’ interests were presented as being opposed to “radical economic transformation” and representing the interests of “white monopoly capital”.

It is has therefore become accepted in many quarters that the term “radical economic transformation” is often deployed to either mask or justify activities that could be best described as state capture.

Some people use the term “radical economic transformation” to proclaim measures that are intended to cement their ‘radical’ credentials rather than actually achieve meaningful improvement in the lives of the poor.

However, if we are to progress as a democratic nation, we need to ensure that we are not distracted or side-tracked by the misuse of the term.

Rather, we must focus on the real substance of radical economic transformation and the steps we need to take, together, to achieve it.

Radical economic transformation is, in essence, about building a more equal society through sustained inclusive growth.

It requires that we change the structure of our economy.

We need to fundamentally alter the racial and gender composition of the ownership, control and management of our economy.

We need a South African economy that truly reflects the composition, diversity and interests of the South African people.

It cannot be owned by white people.

It cannot be dominated by men.

This necessarily requires that we address the concentration of ownership in the economy.

Many significant economic sectors are dominated by just a few companies.

Not only does this make transformation more difficult by limiting the scope for new entrants, but it also stifles competition, keeps prices high and encourages inefficiency.

If we are to truly unleash our country’s potential, we need to tackle this concentration of ownership, control and market dominance.

We also need to diversify our economy, specifically through the development of our industrial capacity.

South Africa has abundant mineral and agricultural resources, but is not extracting the true economic value of these resources before exporting them.

In reality, South Africa’s natural resources are creating millions of jobs in other countries.

By beneficiating our minerals, by processing our agricultural produce, we will be able to realise their full potential value.

Radical economic transformation will not be achieved without a massive increase in the number of South Africans who are employed.

Job creation remains the most effective driver of inclusive growth, the most direct route out of poverty, and the best way to address inequality.

That is why government, business, labour and other social partners have identified job creation as the most important and pressing economic task of the moment.

Everything we do must be aimed towards job creation.

But jobs will not be created in any significant quantity unless the economy grows at a much faster rate.

And the economy will not grow unless there is significant investment in productive activity.

It must therefore be a matter of great concern that the country is in recession, that business confidence has declined and that our sovereign credit rating has been downgraded.

These developments severely undermine our efforts to fundamentally transform our economy.

Yet, although we find ourselves in difficult economic circumstances, we cannot afford to be despondent.

Now, more than ever, we need to work together on practical measures to turn around the South African economy.

Now, more than ever, the social partners need to define a common programme for growth and work tirelessly to implement it.

Now, more than ever, we need the CEOs Initiative to be bringing government, business and labour together to create jobs.

Now, more than ever, government needs to play its part.

Among the areas where progress has been made, and where work is ongoing, is in the promotion of investment in industry.

This includes through the work of the Inter-Ministerial Committee on Investment, the expansion of industrial incentives, the establishment of special economic zones and streamlining investment approval processes.

Another important area is to leverage public infrastructure investment far more effectively and deliberately.

Even under the current fiscal constraints, government continues to dedicate significant resources to its infrastructure build and maintenance programme.

We need to use this investment to develop our own manufacturing capabilities and local suppliers.

We need also to bear in mind that investment in infrastructure on the African continent as a whole will only grow in the coming decades.

As South Africa, we need to ready ourselves to be among the leading suppliers for Africa’s infrastructure revolution.

For radical economic transformation to be successful, the process of black economic empowerment needs to be integral to our efforts to grow the economy.

Empowerment and growth should be mutually reinforcing.

By bringing more black South Africans into the economy – as owners, managers, financiers, industrialists and employees – we are expanding the capacity of our economy.

We are improving the potential for growth and development.

We need to use the levers of state procurement more effectively to affirm black-owned companies.

We have been successful to some extent, but we need to do more to ensure that government’s substantial procurement budget opens up opportunities for emerging black businesses.

We need to challenge the view that preferential procurement measures encourage fraud and corruption.

Where there is corruption, nepotism or fronting, it must be dealt with decisively and those responsible must face the full might of the law.

Government’s black industrialists programme is part of a broader development in the evolution of black economic empowerment.

Until now, much of the empowerment activity has been around the acquisition of black partners of minority stakes in established businesses.

While this has enabled many to build up a capital base and acquire skills and capabilities, it has not brought about the broad-based empowerment that the country needs.

There is now a growing determination for black business people to establish their own companies or to become majority shareholders in existing businesses.

There is a greater push, using mechanisms like the black industrialists programme and the revised BEE codes, for black people to establish, own, finance and control businesses in their own right.

Central to the success of radical economic transformation – central to the growth of our economy and the prosperity of our people – is the development of our people’s skills.

If we can succeed in undoing the damage that apartheid education did, we will have succeeded in changing our country’s economy and our society beyond recognition.

If we can provide all our children with quality basic education, if we can make higher education accessible to all, and if we can equip our young people with skills appropriate to the workplace of tomorrow, then we will have laid the firmest foundation for economic growth and inclusion.

If these efforts are to succeed – if we are to transform our economy – we need to have certain fundamentals in place.

We need a capable developmental state that is able to effectively direct resources towards where they have the greatest economic and social benefit.

That means it needs to have an advanced planning and monitoring capability.

It needs to ensure that the country’s resources – from its minerals to its oceans to its broadband spectrum – are used to advance the interests of the people, particularly the poor.

We need to have state owned enterprises that fulfil a clear developmental function, that are governed effectively, that manage their finances responsibly and that are led by capable, honest and accountable people.

We need to root out corruption both in the public and private sectors.

We need to eliminate mismanagement and wastage.

Among other things, we need to proceed with urgency to establish a judicial commission of inquiry into state capture.

Our law enforcement agencies need to give these issues their full attention so that the allegations can be properly investigated and, where crimes have been committed, that those responsible are brought to book.

Fundamentally, radical economic transformation requires a supportive macroeconomic policy.

We need to preserve our economic sovereignty so that we, the people of South Africa, may determine for ourselves the economic model, policies and programmes that best serve our national interest.

That means we need to avoid a debt trap, which would scupper our transformation efforts and leave future generations saddled with the burden of our irresponsibility.

We must adhere to the current fiscal framework.

We need to be spending our public resources on infrastructure, education, health and the needs of the poor – not servicing debt.

Above all, for radical economic transformation to succeed, we need to build a new national consensus on a programme for inclusive growth.

We need to mobilise all sections of society in support of that programme.

Even at this most difficult moment in our country, we need to draw on the great achievements of our young democracy, we need to affirm our resolve to build a united, just and equal society, and we need to forge a new social compact for fundamental social and economic transformation.

As a country, we face many intractable challenges, both the product of a grossly unequal and unjust past and the result of current uncertainty.

But as a people, we have the means, the determination and the resources to work together to overcome them.

Write comment (0 Comments)

Roma - Non parte sotto i miglior auspici la discussione in Senato della legge sullo ius soli, il testo che prevede tra l’altro il diritto di cittadinanza per i minori stranieri nati sul suolo italiano e che abbiano completato almeno un ciclo di studi. Il nuovo esordio della legge, ferma ormai da mesi in parlamento, è stato infatti contraddistinto da forti scontri fuori e dentro dall’aula il 20 giugno: grave l’episodio che ha visto coinvolta suo malgrado la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, rimasta ferita, secondo alcuni colleghi del Pd, perché finita contro un tavolo (fortuitamente o meno non è per ora dato saperlo) nel corso di un piccolo flash mob dei senatori della Lega, che si sono scagliati contro i banchi del governo con dei cartelloni di protesta: la Fedeli è stata portata in infermiera e medicata, e ha successivamente twittato: “Sto bene, grazie a tutte e a tutti. Non saranno i tentativi di sopraffazione a fermare una battaglia di civiltà come lo Ius Soli”.

Incidente a parte, altissima è stata la tensione tra i banchi, con il presidente Pietro Grasso che è stato costretto ad espellere il leghista Raffaele Volpi e poi a revocare la decisione in seguito alla mancata volontà del senatore di uscire dall’aula. La bagarre, nel frattempo, andava in scena anche fuori dal Senato, a causa della manifestazione organizzata da Casapound proprio contro lo ius soli nei pressi del Senato. La situazione, già tesa, è degenerata quando i manifestanti di estrema destra hanno tentato di sfondare il cordone formato dalla polizia per accedere a Palazzo Madama: ne sono nate cariche di alleggerimento e qualche tafferuglio. In piazza anche i militanti di Forza Nuova per una manifestazione non autorizzata: alla fine i fermati e denunciati sono stati 64.

Nel merito del provvedimento, ha spiegato in aula il capogruppo del Pd Luigi Zanda, “non parliamo solo di dare cittadinanza a bambini che sono nati in Italia, ma a ragazzi che hanno vissuto in Italia, hanno studiato in Italia, sono cresciuti in Italia. Abbiamo il dovere di approvare questa legge perché le persone cui ci rivolgiamo sono italiani e per questo hanno diritto ad avere cittadinanza". / (NoveColonneATG)

Ius Soli, Vaticano: siamo con chi ha bisogno di protezione

Roma - “Il Vaticano ancora non si è espresso sul tema dello Ius soli, rispettiamo le decisioni del Governo italiano ma come diceva anche il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino, come Chiesa noi siamo vicini a chi è nella necessità, nella debolezza e a chi ha bisogno di essere protetto”: la posizione del Vaticano sullo Ius Soli – all’esame del Senato in questi giorni – è chiara, ribadita a margine di una presentazione a Palazzo Madama dal sostituto della Segreteria di Stato, monsignor Angelo Becciu. Una posizione sottolineata anche in un’intervista al Sir (Servizio informazione religiosa) da monsignor Guerino Di Tora, vescovo ausiliare di Roma, presidente della Fondazione Migrantes e della Commissione episcopale Cei per le migrazioni, secondo cui i bambini e i ragazzi nati in Italia e quelli che hanno frequentato almeno 5 anni di scuola “hanno il diritto di sentirsi cittadini italiani”.

“Purtroppo – avverte Di Tora – la discussione è stata estremizzata, è diventata motivo di contrasto. Siamo vicini al ballottaggio politico, quindi anche questa realtà assume una valenza politica sia per i partiti di sinistra, sia per quelli di destra”. Infatti, il dibattito politico tende ad accendersi sempre di più: a Porta a Porta, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio rimarca le distanze del M5S dalla Lega (“Io non voglio far parte di un movimento che si allea con chi diceva ‘Vesuvio, lavali col fuoco’”) ma allo stesso tempo sullo Ius Soli specifica: “È una proposta utilizzata per i partiti di sinistra per sentirsi di sinistra e da quelli di destra per sentirsi un po' di destra. Non ci sto a discutere in una campagna per le amministrative di una legge su cui Salvini già parla di referendum”.

Dal canto suo, parlando davanti alla Moschea provvisoria di Sesto San Giovanni a Milano, il leader della Lega sottolinea che “la cittadinanza arriva alla fine di un percorso, me lo dicono tanti immigrati. Tanti immigrati mi dicono ‘io ho bisogno di pagare meno tasse, di case, scuole, ospedali per mio figlio e non ho voglia di un biglietto premio al luna park, la cittadinanza o il diritto di voto in anticipo’”.

Invece per il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, intervenuta a un convegno presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, “lo Ius soli è una questione di civiltà, un tema serio e importante. Auspico che tutte le forze politiche ci riflettano. Stiamo parlando di bambine e bambini che sono nati in Italia, che frequentano le nostre classi e parlano la nostra lingua. Che conoscono le nostre leggi. Francamente dire che non dovrebbero avere la cittadinanza mi sembra una cosa molto pesante”. / (NoveColonneATG)

Write comment (1 Comment)

Merlo sulla cittadinanza: Il governo Pd ignora gli italiani all’estero - 

ROMA - "Ha ragione Grillo quando dice che questa legge ius soli è un pastrocchio”. È quanto dichiara oggi Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE, che annuncia: “noi non siamo d'accordo e voteremo contro anche al Senato, così come abbiamo fatto alla Camera, perché quello che sta facendo il Governo PD è paradossale: facilita il diritto di cittadinanza agli stranieri e impedisce lo stesso diritto agli italiani che vivono all'estero”.

“Da quando il MAIE è entrato in Parlamento, la nostra battaglia è stata sempre quella di essere la voce degli italiani che vivono all'estero”, ricorda Merlo. “Abbiamo cercato di tenere alta l'attenzione dei vari Governi, che si sono succeduti dal 2008 ad oggi, sui temi della promozione della lingua e della cultura italiana, dell'identità, del Made in Italy, abbiamo lottato per una rete consolare moderna ed efficiente, abbiamo chiesto sostegno per gli italiani coinvolti in crisi umanitarie, come in Venezuela; abbiamo presentato varie volte emendamenti a questa proposta di legge; in questa occasione – aggiunge Merlo - Zin lo ha fatto anche a Palazzo Madama, emendamenti bocciati dal Governo PD - per abolire l'assurda discriminazione delle donne italiane nella trasmissione della cittadinanza e per concedere la cittadinanza italiana ai residenti nei territori appartenuti all’ex Impero austroungarico e ai loro discendenti”.

“Purtroppo mentre tutte le nostre richieste per i diritti degli italiani che vivono all'estero, giacciono in qualche cassetto e le nostre proposte e i nostri emendamenti vengono sistematicamente bocciati, il Governo PD vuole far passare una legge sulla cittadinanza che è un pastrocchio, proprio come dice Grillo!”, ribadisce Merlo. “Uno ius soli, combinato con uno ius culturae, che avranno come conseguenza che centinaia di migliaia di stranieri - che non hanno nessun legame con i nostri valori, la nostra cultura, la nostra storia - potranno inevitabilmente godere anche dello ius sanguinis. Una legge che non ha riscontro in nessun altro paese europeo!”.

Secondo Merlo “è un controsenso, soprattutto oggi, dove è molto probabile che chi è immigrato in Italia per un motivo contingente - vedi il caso di rifugiati per guerre e crisi umanitarie - rientri nel suo paese d'origine una volta che il problema sia superato, e lì continui a trasmettere la cittadinanza italiana ius sanguinis a tutti i suoi discendenti. Da tempo abbiamo reso nota la nostra posizione contraria a questa legge-pastrocchio: una legge fatta oltre tutto in mezzo ad una congiuntura politica internazionale complicata, soprattutto per l'Europa, una legge – conclude Merlo – che potrebbe essere fonte di nuovi problemi per l'Italia". (aise)

Fucsia Nissoli passa a Forza Italia

ROMA - Deputata eletta in Centro e Nord America, Fucsia Nissoli è passata a Forza Italia. È quanto si apprende da una nota del Gruppo Fi alla Camera in cui si spiega che “facendo seguito agli incontri avuti nei giorni scorsi con il presidente Silvio Berlusconi”, Nissoli “ha presentato formale richiesta per aderire al gruppo Forza Italia della Camera dei deputati. Il presidente Renato Brunetta l’ha accolta, esprimendo soddisfazione e formulando, anche a nome di tutto il gruppo azzurro di Montecitorio, auguri di buon lavoro alla nuova collega”.
In accordo con il responsabile organizzazione di Forza Italia, Gregorio Fontana, e con il responsabile azzurri nel mondo, Vittorio Pessina, prosegue la nota, a Nissoli è stato affidato il coordinamento della Ripartizione Nord-Centro America della Circoscrizione estero.

“Con il suo contributo di proposte – si legge in una nota del gruppo Forza Italia della Camera dei deputati – lavoreremo per far sì che le politiche degli italiani all’estero rientrino a pieno titolo nel nostro programma per le prossime elezioni politiche. Condividiamo con l’onorevole Fitzgerald Nissoli tre istanze fondamentali degli italiani all’estero: la cittadinanza, la parità fiscale con gli altri italiani residenti sul territorio nazionale, la necessità di porre in essere nuove politiche per la mobilità giovanile. Avanti tutta, lavoriamo insieme, con forza e determinazione, per gli italiani all’estero”, conclude la nota.

Un’affermazione che Nissoli fa sua, confermando il passaggio al partito di Berlusconi. “L'attenzione del Governo verso gli italiani residenti all'estero va sempre più scemando e ne è prova l'oblio completo delle loro attese nella legge sulla cittadinanza”, dice Nissoli in una nota. “Gli italiani all'estero sono relegati all'ultimo posto nella programmazione delle attività del Governo, nei provvedimenti da prendere, spesso proprio dimenticati! Con conseguente confusione sulle normative da applicare. Il problema è se gli italiani all'estero facciano realmente parte del nostro Sistema-Paese oppure se su di essi la politica offra solo dichiarazioni di circostanza”.

“Se essi realmente facessero parte del nostro Sistema-Paese – continua la deputata – dovrebbero entrare effettivamente in tutte le politiche del Governo e non essere relegati a riserva indiana, essere ghettizzati, tanto che le politiche in materia appaiono qualcosa di diverso, che non fa parte dell'interesse nazionale. E' ora di cambiare pagina, di dare una svolta a questo modo di trattare l'emigrazione. In questi anni ho lottato duramente per far capire al Governo l'importanza, in termini di rete, della nostra Comunità nel mondo, ma non ci sono parole adatte per chi non vuole ascoltare! Dunque, ho cercato solidarietà in altri ambienti politici fuori dalla maggioranza di Governo e in questa ricerca ho trovato la piena apertura del Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi”.

“Dagli incontri che ho avuto con lui ed il Capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, on. Renato Brunetta, ho subito percepito la loro piena sensibilità sul tema. Durante il Governo Berlusconi, infatti, gli italiani all’estero non pagavano l’Imu. Questo è uno dei punti programmatici che metteremo all’OdG della nostra azione politica a partire da subito. Abbiamo anche convenuto sulla necessità di affrontare con urgenza le questioni concernenti la cittadinanza e la mobilità giovanile”, aggiunge la parlamentare. “Sono punti che condividiamo pienamente e sui quali daremo battaglia nel comune impegno in favore degli italiani all’estero. Sono valide ragioni dunque per me, per iscrivermi al Gruppo parlamentare di Forza Italia”. (aise)

Write comment (1 Comment)

Roma - Un'edizione da record. Le undici medaglie conquistate dall’Italia ai Campionati Europei Assoluti Tbilisi 2017 permettono all’edizione georgiana di entrare a pieno titolo nel libro della storia della scherma azzurra. Sulle pedane di Tbilisi l'Italia ha lanciato il suo messaggio ben chiaro all'indirizzo della scherma europea. Chi ipotizzava una flessione o un momento difficile per via di un ricambio generazionale, è stato presto smentito. In quella che è l'edizione post-olimpica, la prima del nuovo quadriennio, l'Italia domina il medagliere con un carico di undici medaglie complessive, di cui quattro d'oro, tre d'argento e quattro di bronzo.

L'inno di Mameli è risuonato al cielo di Tbilisi sin dalla prima, trionfale, giornata, grazie a Daniele Garozzo che dieci mesi dopo l'urlo di Rio, si ripete anche in Georgia, collezionando un titolo sfuggitogli a Montreux 2015 e che arriva dopo la stagione post-olimpica che lo ha visto festeggiare anche il primo successo in Coppa del Mondo.

Il “canto degli Italiani” risuona anche al termine della seconda giornata, grazie ad Arianna Errigo che bissa il titolo continentale di dodici mesi fa, ribadendo che il Brasile è davvero lontano soprattutto quando si è dotati di talento, intelligenza e voglia di vincere.

“Fratelli d'Italia” viene intonato anche al termine della terza giornata quando sul gradino del podio salgono, tenendosi per mano, Rossella Gregorio, Martina Criscio, Loreta Gulotta e Irene Vecchi. Le azzurre della Nazionale di sciabola femminile riconquistano la vetta più alta d'Europa a sei anni di distanza da Sheffield: ricordo ancora vivo nella mente di Irene Vecchi, unica azzurra presente in quell'edizione quando in squadra era la più piccola tra Paola Guarneri, Ilaria Bianco e Gioia Marzocca. Adesso la livornese è la più esperta ed in sei anni ha vissuto la costruzione di una squadra che a Rio ha sfiorato il podio e che adesso si candida ad essere protagonista del prossimo quadriennio olimpico verso Tokyo. Il quarto oro giunge grazie al “Dream Team”.

L'Italia di fioretto femminile cambia le interpreti, ma rimane incollata al podio. In Georgia arriva il riscatto dell'argento di Torun 2016, tornando a gridare "Italia" sul gradino più alto, grazie ad una prova corale delle quattro azzurre che si conclude con l'applauso dell'Ambasciatore italiano in Georgia.

Le tre medaglie d'argento hanno sapori diversi. Quello dolce è appannaggio di Paolo Pizzo che si laurea vicecampione europeo, così come a Strasburgo 2014. Se però in terra francese sprecò un'occasione gettando alle ortiche la finale, a Tbilisi ha poco da rimproverarsi un atleta che affronta una giornata con forti disturbi intestinali e giungendo sino alla finale e cogliendo una medaglia importante. Il retrogusto amaro è invece nella medaglia di Rossella Gregorio. L'azzurra inciampa, così come Loreta Gulotta ai quarti, nella giornata di grazia della georgiana Teodora Kakhiani che regala una gioia inattesa al suo Paese e sorprende il panorama della sciabola europea. L'argento dell'ultimo giorno nella sciabola maschile è agrodolce. Da una parte c'è l'amarezza della sconfitta, dall'altra il dolce attestato di una squadra leader che, così come in Coppa del Mondo, continua ad essere sempre una delle finaliste ed alternarsi tra il secondo ed il primo gradino del podio. Ad un mese dal Mondiale è una certezza da non sottovalutare.

Per ciò che concerne le medaglie di bronzo, se quella di Giorgio Avola nel fioretto maschile è l'ennesima conferma del talento del fiorettista siciliano, per Luca Curatoli ed Alice Volpi è la consacrazione tra gli atleti top delle rispettive specialità. Il quarto bronzo, conquistato dalla squadra di fioretto maschile, è un carico di rammarico dovuto alla sconfitta in semifinale contro la Russia, ma può rappresentare un ottimo stimolo in vista dei Mondiali di Lipsia. Ed è proprio la rassegna iridata di metà luglio l'orizzonte verso cui guarda la scherma italiana. - (NoveColonneATG)

Write comment (0 Comments)