Thursday 17th Aug 2017

ROMA - Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) ha concluso una media partnership con RAI Italia per la promozione delle iniziative connesse alla XVII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, "L'Italiano al cinema, l'italiano nel cinema", in programma dal 16 al 22 ottobre 2017. Grazie a tale partnership, RAI Italia promuoverà una programmazione dedicata alla Settimana nell'ambito delle trasmissioni "Community" e "Cinema Italia". Si ricorda che il canale Rai Italia è visibile in tutto il continente americano, in Australia, in Africa Subsahariana e in Asia, mentre non è visibile in Europa e nel bacino del Mediterraneo.

"Cinema Italia" è una trasmissione dedicata a cicli e rassegne cinematografiche scelte e presentate dal giornalista e critico Alberto Farina. La struttura di ogni episodio è costruita attorno alla breve presentazione di un film e alla sua successiva proiezione.

Dal 2 agosto scorso e sino al 25 ottobre compreso, ogni presentazione conterrà riferimenti alla Settimana della Lingua Italiana. Inoltre, nove puntate saranno dedicate alla messa in onda di film le cui presentazioni sono state filmate all'interno del MAECI nel corso del mese di maggio.

Dopo le puntate del 2 agosto con la "Estate di Martino", per la regia di Massimo Natale (2010), presentata in occasione della ricorrenza della Strage di Bologna del 2 agosto 1980, e dopo "Space Men" di Antonio Margheriti (1960), andato in onda il 9 agosto per il ciclo fantascienza italiana, questo sarà il calendario delle puntate: 16 agosto "L'arrivo di Wang" regia di Antonio Manetti, Marco Manetti (2011) per ciclo fantascienza italiana; 23 agosto "L'ultimo terrestre" regia di Gianni Pacinotti (2011) per ciclo fantascienza italiana; 30 agosto "La mafia uccide solo d'estate" regia di Pier Francesco Diliberto (PIF) (2013) in occasione della ricorrenza della Morte Carlo Alberto Dalla Chiesa 03/09/1982; 6 settembre "L'intervallo" regia Leonardo Di Costanzo (2012) ciclo di film presentati alla Mostra di Venezia; 13 settembre "Hungry Hearts" regia di Saverio Costanzo (2014) ciclo di film presentati alla Mostra di Venezia; 20 settembre "Per amor vostro" regia di Giuseppe M. Gaudino (2015) ciclo di film presentati alla Mostra di Venezia; 27 settembre "Oci Ciornie" regia di Nikita Michalkov (1987) in occasione del compleanno di Marcello Mastroianni (28/09/1924).

Gli orari di messa in onda di "Cinema Italia" variano a seconda del Paese, in Zambia, Namibia e Malawi alle 20.30. Eventuali modifiche della programmazione saranno comunicate sul sito internet www.raitalia.it.

In aggiunta agli episodi di "Cinema Italia", RAI Italia ha previsto di dedicare alcune puntate della trasmissione "Community" alla valorizzazione del concorso cinematografico "Come dentro uno specchio - l'Italia vista fuori dall'Italia" promosso dalla Società Dante Alighieri di concerto con la DGSP e con la Confederazione Svizzera.

Nella Settimana dal 16 al 22 ottobre 2017, la trasmissione manderà in onda i primi cinque cortometraggi classificati che verranno selezionati da un'apposita giuria. Rai Italia e Radio 3 seguiranno la manifestazione attraverso le trasmissioni "La lingua batte" e "Hollywood Party".

È inoltre disponibile sul canale YouTube "Italiana Lingua e cultura" un documentario dal titolo "Italiano Parola del Mondo" realizzato per la regia di Corrado Farina nel 1994. Il documentario racconta la storia della lingua italiana dalla sua nascita fino alla sua affermazione come lingua nazionale nel corso Novecento. (aise)

Write comment (0 Comments)

by Steuart Pennington - South Africa The Good News - 

The 8th “No Confidence” debate has come and gone. It was an emetic event, rather like a car crash, or an earthquake, or a tsunami. All over the ‘head-lines’ with much interest, international focus, currency casualty, crowing opponents and then………… to-morrow the ‘headlines’ will change as we move on.

But what is not in the ‘head-lines’ is what is happening on the ground, the ‘process’.

South Africans are fighting back, on the streets, in their political parties, in their unions, in their NGO’s, in their business institutions!

But………….sadly, ‘processes’ don’t make the ‘headlines’.

The Intelligence Bulletin www.theintelligencebulletin.co.za published a well-researched document on this ‘fight-back’.

“There is a good South African story to tell, but it is not the ANC’s. It, in fact, comes despite the ANC and what it became to represent since Pholokwane 2007.

While the present dominant South African narrative is one of doom and gloom – of a country in the grips of state capture, of failing service delivery, failing state enterprises, an economy in recession, rising unemployment, tense race relations, and above all, of a head of state with a string of corruption charges hanging of his head with a highly destructive factional battle to succeed him raging within the governing party.

That, however, is only one side of the SA story.

We are fighting back

There is also the story of a civil society joining hands, across many dividing lines, to fight state capture and the corruption that comes with it – and starting to win the battle hands down, while shaming international players for their vigilance neglect, and/or complicity.

It is the story of increasing numbers of political, and other leaders finding their voices, speaking out against, and condemn, what has gone wrong – committing to fix it.

Astonishingly 35 ANC MPs voted for a motion of no confidence in President Zuma. No ‘dyke’ with 35 leaks will hold.

And, despite the efforts of the benefactors of state capture, with the help or hired hands from outside, there are signs that on the ground relations between population groups are indeed improving. A recent Institute of Race Relations survey found that relations on the ground amongst ordinary South Africans are a lot more solid than generally perceived.

Positive signs.  

One of the most positive stories of the last ten days or so, proving that South African civil society is winning the battle against state capture, was the news that India’s Bank of Baroda has started the process of closing the bank accounts of the state capturing Gupta family.

Thanks to the South African constitution, guaranteeing its freedom and independence, the country’s media has done a sterling job, only exposing the tentacles of state capture and is accompanying corruption, but ensuring that the ‘charge sheet’ is updated on almost a daily basis – especially Scorpio & amaBhungane doing an excellent job with the basic spadework.

Amongst the results thus far counts:

The clean-up at state enterprises has begun with, amongst other, Eskom’s CFO, Anoj Singh, suspended and other wide-ranging investigations set to be launched, with for example the National Treasury recommending that current and former Eskom executives be investigated for corruption, with similar developments at Transnet

Private enterprise institutions also came to the ‘fight back party,’ illustrated by banks threatening to call in in over R351 billion in Eskom loans;

German international computer software company, SAP’s Africa MD, Brett Parker and team, have been put on administrative leave while the company is launching a probe, through a law firm regarding collusion with the Zupta network;

International audit firm KMPG has been fired by Sygni’s Wierzycka for not doing their job properly in the Gupta saga, and McKinsey & Company is reviewing thousands of documents related to interactions with Gupta-tainted Trillian Capital Partners.

Laying, maybe, some foundations for future cooperation in turning the corruption ship around, various political parties have already contributed to the fight back, including ANC’s alliance partner, the South African Communist Party. (British public relations firm Bell Pottinger’s withdrew from South Africa following the SACP releasing a 21-page research report, “Bell Pottinger (BP) – PR Support for the Gupta Family“, dated January 2017. And, the Democratic Alliance (DA) is pursuing steps against BP in Britain, and urging clients of the firm to sever ties with it;
Vitol Group, the world’s largest independent oil trader, abandoned a deal to buy a stake in the Richards Bay Coal Terminal from a company controlled by the Gupta family; and the list goes on, with more revelations still likely to come to light.

The international implications in the slipstream of the fightback can also be expected to broaden.

Not only has DA leader Mmusi Maimane raised the matter with the United Arab Emirates, where there is a prominent Zupta footprint, but the fact that the US Dollar was the denomination of so many of the suspect international transaction, is likely to bring American authorities into play soon.

Positives from the saga

For South Africa, there are also broader positives from the drama.

For one, South Africans can be proud of how it is setting an international example of how to stage a fightback against corruption.

Small wonder that the country’s brand was just ranked 45th out of 71 countries in the Country RepTrak® study conducted by Reputation House – two positions ahead of the United States.

The experience is uniting South Africans from across the full societal spectrum  – from political parties, NGOs, religious bodies, and civil society at large, across racial divides. This bodes well for the possibility for successful coalition government after the 2019 general elections.

No Confidence Vote

The outcome of the parliamentary ‘No Confidence’ Vote in President Zuma is significant with a range of possibilities going forward, all of which have to do with succession.

As Peter Bruce says, “That vote will come down to three people — Nkosazana Dlamini-Zuma, Cyril Ramaphosa and Zweli Mkhize”. The ‘battle’ is going to be ugly, the ‘war’ has to be the 2019 outcome. South Africans are not going to allow this battle to be won by Zuma, we, of all political persuasions, have had enough.

Maimane has already raised the possibility of an early election in its wake, if the vote should go against the president.

South Africans are also putting more developed countries to shame and setting an example of how to deal with, and persist, with action when the Bell Pottingers of this world oversteps the lines of propriety.

Conclusion

The battle to reclaim what is right might not be over yet, a long, hard, and challenging road of rebuilding still lies, but once it is over, South Africans will have much to be proud of, looking back and fighting back.

Write comment (0 Comments)

Mario Angeli dal suo balcone italiano - 

Patata mon amour”, ovvero festival della patata: per carità, evento castissimo, sebbene il nome si presti, con malizia goliardica, a qualche salace sottinteso.

L’intento degli organizzatori era soltanto quello di far mangiare alla gente quante più patate possibile, cucinate nelle varietà più appetitose e insolite; già, perché sembra che l’assillo che macera anche le amministrazioni di tanti comuni, compreso il mio, che concedono il loro patrocinio alle associazioni organizzatrici, sembra essere quello di indurre i propri cittadini a robuste mangiate fuori pasto, accompagnate da altrettanto generose bevute di birra, a cui spesso seguono schiamazzi fino alle ore piccole, ovviamente impuniti perché le cosiddette polizie locali lavorano fino al tramonto del sole; a tante abbuffate, come ovvia conseguenza dei processi digestivi, seguono liberatorie minzioni agli angoli delle vie, essendo i vespasiani assenti o dislocati dove magari… non scappa.

Rimanendo nel territorio della mia provincia, non si può negare lo sforzo dei pubblici amministratori per alleviare gli affanni di questa estate infuocata con una pluralità di eventi di vario genere e gusto, da quelli musicali, meglio se molto rumorosi, a quelli culturalmente più o meno raffinati, in cui c’è spesso qualcuno che, atteggiandosi ad unico, o quasi, soggetto pensante, espone le sue riflessioni, a pagamento, a quanti, accettando il patimento di ascoltarlo, magari scoprono di essere loro stessi capaci di pensieri anche più profondi; oppure si offrono presentazioni di libri, preferibilmente sulla storia locale, non quella più solenne, ma magari quella dell’asilo infantile chiuso tanti decenni fa e gestito dalle suore carmelitane quasi scalze: tanto oggi la stampa di un libro è alla portata della velleità di tutti, basta pagarsi interamente le relative spese.

Sono assai frequenti anche i cinema all’aperto, le cui vere nemiche non sono le programmazioni RAI, Sky, La7, Mediaset, tutte in caduta libera estiva, ma le zanzare, che si rivelano molto eclettiche sui gusti filmografici ma particolarmente raffinate nello scegliere il sangue giusto da succhiare, il mio tra i tanti, inducendo a chiudersi in casa.

Comunque gli appuntamenti gastronomici restano i più frequentati: sembra quasi un paradosso, dal momento che oggi la gente può mangiare bene ed abbondantemente a casa propria, sbizzarrendosi a cucinare secondo la tradizione o accogliendo i suggerimenti bio o vegan o quelli degli innumerevoli programmi televisivi, dove cuoche ruspanti o paludati chef, che sembrano arcivescovi in pompa magna, propongono piatti strabilianti che talora, dopo che li hai gustati, ti fanno sorgere urgente una domanda: ”Quando si mangia?”

Il fascino dei banchi alimentari degli ambulanti, oggi ridicolmente chiamati street food, esercita però una presa irresistibile, che spesso passa prima dall’olfatto che dal gusto.

Ma anche la vista e la fantasia hanno la loro parte: come resistere di fronte ad un accattivante manifesto, dove, tra le patate, fanno capolino due occhietti maliziosi? E poi quelle parole straniere, food, kids, fun buttate in faccia agli affamati clienti nella concreta pianura padana promettono qualcosa di davvero strabiliante; oppure, per essere coerente con le mie frequenti punzecchiature agli organismi italiani all’estero che pavoneggiano l’uso dell’inglese anche quando sarebbe preferibile usare la nostra lingua, indicano una inutile e ridicola esterofilia linguistica.

Tanto per restare ancora un attimo, tra adulti, sotto il pelo del leggero doppio senso, c’è forse da attendersi che, visto il successo del festival della patata, si organizzi anche quello del pisello, o di come lo si voglia chiamare, adottando le varietà linguistiche regionali che, dal Friuli alla Sicilia, denominano variamente quei preziosi oggetti anatomici.

In questo periodo di gran solleone, lasciando in pace, per una volta, le chiacchiere dei politici, si fa un gran discutere sull’ininterrotto flusso di migranti, dove la saggezza o almeno il buon senso non sembra che trovino casa tra i due opposti estremi, ossia tra chi cinicamente afferma che costoro sono una sciagura per l’Italia e chi, con puerile semplicismo, sostiene che invece sono una risorsa; forse l’opinione pubblica saprebbe meglio orientarsi verso una ponderata via di mezzo, se le forze politiche italiane la smettessero di cavalcare un problema reale e complesso come bandiera pubblicitaria in vista delle prossime elezioni.

Nel segno della multiculturalità potrebbe essere organizzato a breve il festival del cous cous, della somoza, della tortilla, del wonton, dello zighinì, del felafel, del guacamole, del babaganoush, del bobotie, del fufu o del garri, ecc., che vedrebbe protagoniste in positivo le molte etnie presenti sul nostro territorio: si sa che, di fronte ad un buon piatto, spesso cadono anche le barriere ideologiche più ferree.

Ma non è della gastronomia degli immigrati che si discute molto in questi giorni, bensì della controversa decisione del governo di chiedere alle organizzazioni non governative, che si sono date il compito di salvare dal naufragio i migranti, di sottoscrivere un patto con regole chiare e dettate dall’esigenza di meglio tutelare gli interessi nazionali, pena il divieto di attraccare nei porti italiani: se ne è parlato fin troppo per doverle elencare qui e, nonostante sembrino assai poco limitative dell’autonomia delle varie ONG ma piuttosto necessarie per evitare abusi ed impuniti arbitrii, alcune organizzazioni non accettano di firmare tale codice di comportamento, rifiutando i richiesti controlli e denunciando il provvedimento governativo come un’indebita ingerenza o un attentato alla loro autonomia o, perfino, un favoreggiamento degli annegamenti nella fossa comune del Mar Mediterraneo.

L’argomento è assai complesso, coinvolge sensibilità differenti e meritevoli di rispetto ed ha a che fare con il delicato tema della sicurezza, dei profughi quanto dei cittadini italiani, quindi non può essere liquidato qui con quattro considerazioni; però almeno una, semplice ma forse non semplicistica, desidero proporla: se il governo italiano ha, come spero che nessuno voglia mettere in dubbio, la facoltà e la piena sovranità per dichiarare che nei porti d’Italia si attracca e si sbarca nel rispetto delle regole di legge, anche internazionali, e se tra queste vi è quella che le ONG che soccorrono i migranti in mare devono sottoscrivere un determinato codice di comportamento, per di più avallato dall’UE, la conseguenza è la lampante: chi firma attracca, chi si rifiuta raggiunga uno dei tanti altri porti che si affacciano sia sulla sponda nord che in quella sud del Mediterraneo o si diriga nelle molte nazioni UE che scaricano sull’Italia problemi europei.

Sarebbe come se una persona che, desiderando di entrare in casa mia, si rifiutasse di accogliere la mia regola elementare di entrarvi solo dopo che le ho aperto il cancellino, evitando quindi di scavalcare la recinzione, e mi accusasse di non so quale sopruso a fronte di una richiesta tanto condivisibile: con buona pace di tutti, se ne stia fuori.

Save the Children, che sicuramente non ha nulla da nascondere, ha firmato, altre ONG gridano allo scandalo: pazienza, se ne stiano fuori.

Un altro argomento che ha giustamente invaso tutti i notiziari è quello degli incendi boschivi, che hanno devastato vastissime e meravigliose aree del nostro territorio, la cui bellezza deturpata impiegherà molti decenni per ritornare com’era, ammesso che ciò sia possibile.

Si sa che l’autocombustione è una rarità assoluta e che la quasi totalità degli incendi ha l’uomo come colpevole, talora per sciatteria e negligenza, come un mozzicone acceso, un picnic, un diserbo bruciando le stoppie, ecc., ma molto spesso a causa di un comportamento piromane, dettato o da un pizzico di follia o da interessi di vario genere, che vanno dal pascolo all’urbanizzazione: le forze dell’ordine hanno arrestato alcuni presunti colpevoli e si resta in attesa degli sviluppi.

Ma la notizia più clamorosa è quella del fermo a Ragusa di una quindicina di vigili del fuoco volontari, che facevano scattare l’allarme per incendi inesistenti o appiccavano deliberatamente il fuoco su aree montuose per esservi inviati a verificare o a spegnere le fiamme, il tutto all’interessante paga di 10 euro all’ora; da decenni correva voce che in certe zone della penisola pompieri e piromani fossero una cosa sola, senza generalizzare, beninteso, però forse non c’era ancora stato un magistrato sufficientemente libero o coraggioso che volesse vederci chiaro.

Il momento è finalmente arrivato e ne vedremo gli sviluppi, anche se serpeggia il timore che la giustizia si limiti ad un paterno buffetto.

Non credo che sia necessario invocare il carcere, ma piuttosto ci si potrebbe ispirare alla regola del contrappasso che il maestro Dante ci ha fatto conoscere ed ammirare: basterebbe inviare costoro in Valle Brembana o in Valcamonica per spegnere gli incendi che dovessero verificarsi, con l’obbligo di soggiorno ininterrotto e prestando la loro opera nello spegnimento degli incendi per un numero di ore pari a quelle frodate allo Stato, il tutto senza né diritto di trasferta né retribuzione e con spese di vitto e alloggio a loro totale carico.

E si sa che in quelle valli prealpine gli incendi boschivi sono piuttosto rari.

Mario Angeli

Write comment (0 Comments)

Due giovani leader di comunità sudafricani trascorreranno tre settimane tra le Valli Valdesi del Piemonte grazie al progetto ICLE dell’associazione non-profit sudafricana Rainbow Media - 

Agenzia NEV - 

Roma (NEV), 9 agosto 2017 – Due giovani leader sudafricani, provenienti da una delle township che circondano Città del Capo, avranno la possibilità di fare un’esperienza formativa in Italia grazie al progetto ICLE (International Cultural Leadership Exchange) elaborato dall’associazione non-profit sudafricana Rainbow Media.

Sbosh e Mzi (nella foto con Annalisa Contrafatto prima della partenza da Cape Town) sono arrivati il 5 agosto nelle Valli valdesi, al Centro giovanile valdese Agape (Prali – Torino), dove per tre settimane svolgeranno lavoro volontario e prenderanno parte a un seminario internazionale sul tema delle migrazioni. Cureranno inoltre una diretta per Radio Beckwith Evangelica. Si tratta di un’esperienza formativa e arricchente durante la quale avranno l’opportunità di incontrare realtà del terzo settore, con una dimensione simile a quella dell’associazione di cui fanno parte, per scambiare esperienze e pratiche.

Il viaggio di Sbosh e Mzi è stato reso possibile da una campagna di crowdfunding che ha raccolto i fondi per coprire le spese di viaggio e dal supporto, tra gli altri, del Centro ecumenico Agape, del Comune di Reggio Emilia, del Consolato italiano a Città del Capo.

I due giovani trascorreranno inoltre alcune giornate a Torino, Milano e Reggio Emilia: in particolare l’Assessorato alla Città Internazionale di Reggio Emilia ha organizzato un programma di incontri che include una visita all’archivio Reggio Emilia-Africa e Istoreco, incontri e visite con associazioni, imprese sociali e centri sociali.

Write comment (0 Comments)

Mayibongwe Maqhina - Cape Argus - 

President Jacob Zuma addresses his supporters after he survived a no confidence motion. Picture: Mike Hutchings/Reuters

Parliament - President Jacob Zuma was upbeat moments after he survived yet another motion of no confidence that was debated in Parliament.

In an address punctuated by many "thank yous", Zuma described the ANC as powerful and difficult to beat.

"I want to thank you especially leaders that came from the provinces, particularly the chairmen and secretaries. I just came to say thank you to all of you," he said when addressing the hundreds of ANC supporters and members on a screen outside Parliament.

"You came in numbers to demonstrate that the ANC is powerful. It is difficult to defeat the ANC. You can't try," Zuma said.

He was particularly thankful to the ANC MPs for defeating the motion.

"We must thank comrades in Parliament who worked hard to defend the ANC, but also thank comrades who mobilised you to give support to those inside Parliament."

He, however, noted that his narrow survival of the motion was the eighth.

"Always they come. They don't want to learn that you can't touch the ANC. If you don't like it that is your baby," he said in apparent explanation of the failed motions of no confidence as nothing but hatred against him.

Zuma accused the opposition of using propaganda when they campaigned for the motion.

"Once again we have proved that the ANC is organisation of the people," Zuma said.

Zuma said the ANC was projected by the opposition in that as no longer enjoying majority support.

"There is something interesting in this scenario. The interpretation of some of the things are interesting," he said.

"The ANC was voted overwhelmingly by the majority of this country. No party received such number of votes. We represent the majority," Zuma said.

He also accused the opposition of using a "technicality" in Parliament to take over from the ANC.

"It is impossible."

He insisted that the ANC was supported by the majority. "They will realise in 2019 when we win."

Zuma said the opposition has too much to say.

"Your organisation is greater, the ANC. Thank you very much indeed," Zuma said.

However, he took a jibe at the media.

"They can speak and speak. They can write and write. They can analyse on the television. They will never take the ANC."

Women’s Day to be commemorated in Galeshewe, Kimberley

His Excellency, President of the Republic of South Africa, Mr Jacob Zuma, will deliver a keynote address at the 2017 National Women’s Day on 9 August 2017, to be commemorated at Galeshewe, Kimberley in the Northern Cape under the theme: “The Year of OR Tambo: Women United in Moving South Africa Forward”.

Every August, South Africa commemorates Women’s Month as a tribute to the more than 20 000 women who marched to the Union Buildings on 9 August 1956 in protest against the extension of pass laws to women.

This year, on National Women’s Day we pay tribute to women’s contributions to the liberation struggle whilst also observing the centenary of struggle icon OR Tambo and his contributions to the struggle to end gender inequalities.

During the Conference of Women in Luanda in 1981, he said: “The mobilisation of women is the task, not only of women alone, or of men alone, but of all of us, men and women alike, comrades in struggle. The mobilisation of the people into active resistance and struggle for liberation demands the energies of women no less than of men”.

“This year’s Women’s Month also takes place against a backdrop of a poor performing global economy. Women will be most affected by the economic decline and bear the brunt of its negative economic and social effects. We are also faced with increased levels of violence and brutality against women and children in our society. Since the start of this year, a number of incidents of violence and abuse on women have made headlines. Women’s Day is an opportunity to reflect on these challenges and together commit to finding lasting solutions,” said President Zuma.

The 2017 commemoration will build on the commitments made by President Zuma regarding the economic emancipation of women, and its consequent effects on all other aspects of women’s livelihoods.

Government will also be continuing its on-going National Dialogues on Violence against Women in the Northern Cape, as a means to continue the national discourse on the root causes and possible remedies to end violence. The dialogues are a platform for deepening democracy whilst ensuring safer and crime-free communities - especially for women and children.

Issued by: The Presidency
Pretoria

Write comment (0 Comments)