Friday 20th Oct 2017

Sipho Mabena - TimesLive - 

Hendrick Chebanga with his replica police helicopter, which took him eight months to build Picture: Phill Magakoe - 

Hendrick Chebanga's creation is enough to make criminals stop in their tracks.

The son of a carpenter from Zimbabwe has become the talk of Dilopye village, near Hammanskraal in Gauteng, earning himself the alias "helicopter man".

Using corrugated iron sheets and other scrap, Chebanga, 30, built a replica police helicopter that at first glance so closely resembles the real thing that it's enough to send chills down the spine of hardened criminals.

"I have always been fascinated by engineering and I used to make pocket money by building toy wire cars for my friends. My dream was to study engineering but my parents did not have money so I packed my bags and headed for South Africa after matriculating in 2005," said Chebanga.

He then started building and selling toy cars using corrugated iron, which enabled him to survive, but his dreams were too big for toys so he started designing a helicopter.

I have always been fascinated by engineering and I used to make pocket money by building toy wire cars for my friends.

Working 12 hours a day for eight months in the backyard of his shack, Chebanga produced a 1.5m-high helicopter painted in blue and white police colours and complete with the SAPS insignia on the front.

For the instrument panel he used discarded speedometers and a telephone resembles a radio to make the cockpit look real.

"I even installed a blue light and a police siren," he said.

At the end of each month Chebanga pulls the helicopter on a trailer and tows it to the Soshanguve to Hammanskraal main road, where he puts it on display and allows people to take photographs.

The cash he raises from his exhibit has been earmarked for the purchase of an engine, which he said would cost him about R6000.

He said his prototype helicopter was not robust enough to fly but once he had raised enough money to buy an engine he would build an airworthy version.

"The helicopter was on display at the Pretoria West police college. I had to bring it back because people were complaining, saying they wanted their helicopter here," said Chebannga.

Write comment (0 Comments)

Un ”Pigmeo” Batwa ha inviato un disperato appello all’organizzazione che gestisce lo zoo del Bronx di New York, dopo la morte del figlio di 17 anni, ucciso da un guardaparco.

Il 26 agosto 2017, Mobutu Nakulire Munganga è entrato nel Parco Nazionale di Kahuzi-Biega, nella Repubblica Democratica del Congo, insieme a suo figlio per raccogliere delle piante medicinali. I due hanno incontrato una squadra anti-bracconaggio nel parco, che ha aperto il fuoco su di loro. Il signor Nakulire è stato ferito ma è riuscito a fuggire, mentre suo figlio, Mbone Christian Nakulire, è stato ucciso sul posto. Il padre ha passato più di tre settimane nell’ospedale locale in convalescenza.

I guardaparco ricevono sostegno logistico, finanziamenti e addestramenti dalla Wildlife Conservation Society (WCS), un gruppo di conservazione imparentato con lo zoo del Bronx di New York. La WCS è stata co-fondata dal noto eugenista Madison Grant.

La WCS finanzia da 20 anni la gestione del parco di Kahuzi-Biega. Secondo la legislazione internazionale e la politica sui diritti umani della WCS stessa, è necessario che vi sia il consenso dei popoli indigeni per qualsiasi progetto di conservazione implementato nelle loro terre.

Tra gli anni sessanta e ottanta, le autorità hanno sfrattato dal parco, violentemente e illegalmente, fino a 6.000 Batwa. “I Batwa di oggi non sono sani come lo erano i nostri nonni” scrive nel suo reclamo il signor Nakulire, che a sua volta è stato vittima di sfratto da bambino. “Stentiamo a trovare cibo a sufficienza e siamo costretti ad affrontare tante nuove malattie e la perdita di molti medicinali della foresta…”

“Eppure nessuno è mai venuto qui a chiederci il consenso per il Parco Nazionale di Kahuzi-Biega” si legge nel documento. “Perché la WCS continua a finanziare e a sostenere tutto ciò?”.

“Nulla potrà mai riparare la perdita di mio figlio, ma io sto presentando questa denuncia perché possiate aiutare me ed il mio popolo a trovare giustizia e a tornare nella nostra terra” conclude il signor Nakulire. ”La WCS deve rispettare la propria politica sui diritti umani e contribuire a porre fine alla nostra sofferenza.”

A settembre, Survival ha pubblicato un rapporto dettagliato che denuncia come la WCS e altre grandi organizzazioni della conservazione che finanziano gravi abusi dei diritti umani nel bacino del Congo, inclusa la Repubblica del Congo, che confina con la Repubblica Democratica del Congo.

“Questa tragedia è l’ultimo capitolo di una lunga e vergognosa storia” ha dichiarato Stephen Corry, direttore generale di Survival International. “Prima il popolo del signor Nakulire è stato sfrattato illegalmente e violentemente dalle proprie terre, e oggi rischia la morte se prova a farvi ritorno. La WCS deve mantenere le sue promesse sul rispetto del diritti dei Batwa. Se non hanno il loro consenso per ciò che stanno facendo, semplicemente non dovrebbero trovarsi lì.”

Background

- Anche il WWF ha finanziato e fornito materiale ai guardaparco di Kahuzi-Biega.
- I popoli indigeni come i Batwa hanno vissuto e gestito i loro ambienti per secoli. Le loro terre non sono selvagge e le prove dimostrano che i popoli indigeni sanno prendersi cura dei loro ambienti meglio di chiunque altro. Sono i migliori conservazionisti e guardiani del mondo naturale, e a guidare il movimento ambientalista dovrebbero essere loro.
- Ma questi stessi popoli vengono sfrattati illegalmente dalle loro terre ancestrali nel nome della conservazione. Le grandi organizzazioni della conservazione sono colpevoli di sostenere tale situazione, e non denunciano mai gli sfratti.
- Survival International conduce una campagna internazionale contro gli abusi nel nome della conservazione.
- “Pigmei” è un termine collettivo usato per indicare diversi popoli cacciatori raccoglitori del bacino del Congo e di altre regioni dell’Africa centrale. Il termine è considerato dispregiativo e quindi evitato da alcuni indigeni, ma allo stesso tempo viene utilizzato da altri come il nome più facile e conveniente per riferirsi a se stessi.

Write comment (0 Comments)

HEY Mr. President, Sir, I’m Running Out of Ammo! - 

by Steuart Pennington - South Africa The Good News - 

In the 15 years that I have been populating www.sagoodnews.co.za with ‘positive and informed’ articles and facts – and in the 600 or so presentations that I have done on SA around the world – I have always been able to refer to the World Economic Forum’s Global Competitiveness Report (WEF-GCR) and the surprising number of measures where we are WORLD BEATERS.

The WEF-GCR evaluates the world’s 137 largest economies, as measured by GDP, and compares their competitiveness across 12 pillars using +/- 120 measures.

SA has never ranked lower that 56th (2014). In fact over the past two years we improved to 49th (2015) and then 47th (2016).

This year we slipped to 61st (2017) – the lowest ever. (It breaks my heart)

That has all changed – and that’s bad news! Nevertheless, I believe passionately in our judiciary; the untold story of the courage of our civil society; the exciting, developing informal sector, and the resoluteness – the robustness – of our private sector. Good news there, which I will continue to report.

But why this crashing decline in our Global Competitiveness?

Hilary Joffe explains (BD 28 Sept), “Latest figures from the Reserve Bank show that investment spending continued its downward slide in the second quarter, with private sector investment plummeting and foreign direct investment into SA going negative.

So it will not help that SA has just received a crushing evaluation from the World Economic Forum (WEF). It finds that SA has fallen sharply down the global competitiveness ladder and, even more disturbingly, is losing some of the key competitive advantages it has long relied on to attract investment.

This is the survey SA constantly trumpets, in which it used to be number one in the world for its auditing and reporting standards. No longer: SA has fallen 30 places in the auditing rankings in 2107. It has crashed too on the measures of financial market strength where it had long ranked near the top, falling 33 notches down the WEF’s scale.

Along with that, corruption has emerged in the WEF’s survey of executive perceptions as the most problematic factor for doing business in SA, along with problems such as crime, government instability and taxation.

The WEF tries to be nice, pointing out that SA is still one of Africa’s and the world’s more competitive countries. At 61st, it still ranks in the top half of the 137 countries the WEF rates.

But at peak just before the financial crisis (2008), SA’s ranking reached 44th, and even though it had fallen in the wake of the crisis, SA had been climbing the rankings again in recent years (see above).

The key factor that has driven its ranking down is the erosion of institutions and of confidence in those institutions, specifically economic and market institutions. SA cannot afford to lose that, especially given how low it ranks on other key measures for competitiveness, such as the quality of its education and public health systems, where it has long lurked near the bottom of the table.

These global surveys by the WEF or the World Bank attract lots of controversy and criticism, but when investors are scoping a large bunch of potential target markets, country rankings are a shorthand way to determine which countries to include in a short list. That’s why they matter for investment. But they should matter to policy makers too because they provide a peer group comparison of strengths and weaknesses.

And while SA is still ahead on competitiveness of peers such as Brazil, it is well behind 40th-ranked India, for example.

The WEF defines competitiveness as the set of policies, institutions and factors that determine the level of productivity of an economy and, in turn, the level of prosperity it can achieve. The index is based on a subjective survey of executive perceptions as well as on a set of objective measures, so the rankings are sensitive to the methodology the WEF employs — and SA’s fall is partly explained by a tightening up of the methodology in the latest survey.

But that’s only one part of the story. The much more significant part seems to be the rapid decline in SA’s institutional fabric, a risk factor that has also loomed large in the ratings agencies’ assessments of SA. What’s more, the WEF’s latest global competitiveness rankings come after a World Bank report on SA which pointed to its inability to innovate or generate the start-up enterprises that could create jobs and diversify SA’s export base.

That is ironic, given that one of the few metrics on which SA ranks highly on the WEF’s scale is innovation and the sophistication of its business sector.

The World Bank credits SA with having the academic excellence and urban brains trusts it needs to be innovative — but cites its inability to leverage those strengths in a way that provides an environment in which new, innovative businesses can develop and thrive.

That too is about politics and policy and how hard it is becoming to do business here.

The WEF has described SA’s growth as being at a near standstill. If policy makers want to revive the economy, they would do well to heed the message that is coming from the likes of the WEF and the World Bank.”

Conclusion

We are all waiting, sitting on our hands, as are many global investors, to see what transpires on the political front come December.

Hopefully this will signal the end of the rot.

The damage caused by the current administration; the blatant, unashamed corruption; the enabled state capture; the resurgence of crime and theft; the incompetence of government bureaucracy; the utterly hopeless leadership and the madness of COSATU have taken their toll on the reputation of SA Inc.

Our Global Competitiveness Ranking has been one of the many major casualties.

Write comment (0 Comments)

Mario Setta nel bimillenario della morte di Ovidio -

Ovidio, nato a Sulmona nel 43 a.C,,  è un “cittadino del mondo” nel senso che ha rappresentato l’umanità nei suoi vari aspetti, pur accentuandone la dimensione “amorosa”. Per questo, come lui stesso si definisce, è il “magister amoris”.

Ego sum praeceptor amoris”  afferma nell’ “Ars Amatoria”. Le celebrazioni del bimillenario della sua morte offrono l’occasione per riflettere e ripensare il ruolo della donna. Donna, spesso condannata all’annichilamento della propria natura, della propria essenza, a causa dei travisamenti delle diverse culture, diverse religioni. Se il Cristianesimo evangelico ha liberato la donna, la chiesa-istituzione ha tentato, in un passato non troppo remoto, di schiavizzarla. Ridotta a “merce”, tanto da prescrivere nel matrimonio il “debitum coniugale” (debito coniugale) per la moglie e lo “jus in corpus” (diritto sul corpo)  per il marito. In realtà solo diritti per gli uomini e solo doveri per le donne. Una morale lontana dagli insegnamenti e dagli atteggiamenti di Gesù. Ma, in altre forme religiose, la sessualità della donna viene negata, cancellata, eliminata fisicamente. Si pensi alle Mutilazioni Genitali Femminili, contro le quali, proprio cinque anni fa, il 14 giugno 2012, fu approvata una risoluzione congiunta del Parlamento Europeo per porne la fine (END FGM). Mutilazioni addirittura diversificate nei minimi particolari fisici come circoncisione, escissione, infibulazione, cauterizzazione.

La storia della Donna è una storia di ingratitudini, repressioni, violenze. La donna come oggetto, come strumento, come schiava. 

Ovidio è stato certamente un interprete della natura umana sotto la dimensione amorosa.  Nulla a che fare con le tecniche o con le aberrazioni erotiche, ma con un solo scopo preciso e dichiarato dall’inizio “…ut longo tempore duret amor” (I,38), perché l’amore duri a lungo. Nel periodo dell’esilio, anche se di fatto è un “relegatus non exul” (Tristia II,2), sembra pentirsi di aver scritto tanto sull’amore, essendone uscito con una “ricompensa funesta” (pretium triste) e perfino esecrando il giorno della sua nascita:

Ecce supervacuus – quid enim fuit utile gigni? –

Ecco l’inutile giorno della mia nascita; che mi è servito infatti  essere nato?” (Tristia III, 13).

Un uomo umano, troppo umano. Ed è questo che ce lo rende profondamente vicino. Come se volesse condividere ciò che tanti altri letterati di ogni tempo hanno sottolineato: “Homo sum: humani nihil a me alienum puto” (Terenzio), o “Nel mondo dell'uomo tutto è umano” (J.P. Sartre).

Ci sono quattro versi negli “Amores” di Ovidio che sembrano ridurre l’amore al numero di amplessi con le donne. Addirittura di coiti in una notte con la stessa donna, Corinna. Nove volte. Un numero che sfinirebbe qualsiasi maschio. Forse, oggi, perfino un cosiddetto“giovane stallone” dei siti dating-online americani.

At nuper bis flava Chlide, ter candida Pitho,

Ter Libas officio continuata meo est;

Exigere a nobis angusta nocte Corinnam ,

Me memini numeros sustinuisse novem.

(“Di recente ebbero di seguito il mio ufficio

Due volte la bionda Chlide, tre la candida Pitho,

Tre Libas; in una breve notte Corinna,

ricordo, pretese nove volte e riuscii”).

Questi versi non sono la dimostrazione che Ovidio sia un don Giovanni. Nell’opera di Mozart, su testo di Lorenzo da Ponte, Leporello fa l’elenco delle donne del padrone: “Madamina, il catalogo è questo delle belle che amò il padron mio: in Alemagna 231, 200 in Francia, in Turchia 91 in Ispagna sono già 1003…” Kierkegaard, nel “Don Giovanni”, si sofferma proprio sul numero 1003: “Voglio solo lodare il numero 1003, che è dispari e casuale; la cosa ha la sua importanza, perché dà l’impressione che la lista non sia ancora finita…”.

Se il rapporto uomo/donna assume aspetti statistici si entra nel calcolo matematico che nulla ha a che fare con l’amore. Che, per sua stessa natura, non è quantificabile.  Un simile argomento, anche se da postribolo, apre una delle pagine più tristi e drammatiche della storia della donna nei secoli e millenni. La donna è compartecipe, nel rapporto amoroso. Ma la sua dignità di persona umana è stata sempre sminuita, negata. Una non-persona.

Solo con la Rivoluzione Francese, nel 1792 uscì un libro dal titolo “Rivendicazione dei diritti della donna” di Mary Wollstonecraft. Ma è con Freud e la psicanalisi che si cercherà di scoprire il “continente nero”, come Freud definisce la donna, l’impossibile comprensione per un uomo di conoscere la complessità della sessualità femminile. E sorge il dibattito sull’orgasmo femminile clitorideo e vaginale. Per Freud la donna che rifiuta l’orgasmo vaginale è una donna “non cresciuta”. Ma alla tesi di Freud risponde una donna con un libro dal titolo “Il mito dell’orgasmo vaginale” (1941) di Anne Koedt, una femminista, che contesta la tesi di Freud. Carla Lonzi pubblica nel 1971 il libro “La donna clitoridea e la donna vaginale”, in cui sostiene che l’uomo, per motivi di dominio, “ha imposto il modello di piacere vaginale”.

La rivoluzione femminista del ‘900 ha cercato di affermare il ruolo e la dignità  della donna-libera.  Una rivoluzione che non ha conseguito risultati definitivi, ancora in fase di acquisizione.  Si sono verificati anche gesti di esasperazione, come quello di Valerie Solanas, amica di Andy Warhol, col libro dal titolo: “S.C.U.M., manifesto per l’eliminazione dei maschi”. D’altronde la donna non sembra tollerare le mezze misure, perché non cerca la comprensione, ma l’uguaglianza, non l’indulgenza ma il rispetto, non la concessione ma il diritto.  Basterà ricordare le molte opere scritte dalle femministe.

Dalla metà degli anni ’80 del secolo appena trascorso sembra “difficile parlare di femminismo al singolare visto il precisarsi e consolidarsi di posizioni teoriche assai differenti tra loro. […] Alcune femministe storiche… prendono posizione contro gli sviluppi che considerano negativi del femminismo degli ultimi anni” (Franco Restaino e Adriana Cavarero, Le filosofie femministe).

Il femminismo non più come rivendicazione di genere, ma come affermazione della natura umana in quanto tale.

La grande sfida dell’umanizzazione, con la pari dignità tra sessi,  sarà vinta solo quando l’atto più nobile, più amorevole, più razionale, donato all’Uomo per ri-creare la vita, non sarà più sottoposto alla deplorevole irrazionalità disumana, causa di efferate violenze sul corpo indifeso della donna. Luce Irigaray, famosa scrittrice che ha affrontato le tematiche femminili, sottolinea come la differenza tra uomo e donna  non è stata mai superata e che resta ancora autentico il mito della caverna di Platone: la donna prigioniera nella caverna  e l’uomo libero fuori dalla caverna. Come nel mito, è la donna stessa a spezzare le catene per uscire dalla caverna e conquistare la libertà.

Teilhard de Chardin, filosofo e paleontologo, nelle sue opere non fa che presentare una società in cammino verso la  planetizzazione umana, in cui “la pace si avvererà di sicuro; per una fatalità che è solo suprema libertà” e che “bisognerà decidersi a riconoscere nell’amore l’energia fondamentale della vita”.

Mario Setta

 

Write comment (0 Comments)

Nicolò Sartori -

L’Europa deve ‘ricaricare le pile’ – non solo figurativamente – e rincorrere la concorrenza. Il che suona strano – quando si parla di politiche energetiche e climatiche – dato che il Vecchio Continente è senza dubbio il leader globale della transizione low-carbon. Per far fronte a questo sorprendente ritardo, il vice-presidente della Commissione Maros Sefcovic ha riunito mercoledì 11 ottobre un gruppo di attori istituzionali e industriali europei per delineare un strategia d’azione comune nel settore delle batterie e dello stoccaggio elettrico, un ambito nel quale la competizione asiatica e statunitense rischia di relegare l’Ue a una condizione di marginalizzazione e dipendenza. Il Battery Summit – che ha visto l’Italia giocare un ruolo di secondo piano – si è chiuso con un forte impegno della Commissione a guidare un processo di aggregazione industriale in un segmento tecnologico chiave per il successo della transizione energetica e dello sviluppo sostenibile del continente.

L’Airbus delle batterie, senza l’Italia?
Si tratta di un’ambiziosa iniziativa di politica industriale, come lascia presagire l’esplicito riferimento di Sefcovic ad Airbus, creata (con successo) negli Anni Settanta per consolidare la posizione europea in un settore strategico come quello del trasporto aereo – all’epoca dominato dall’industria statunitense. La rivoluzione delle batterie, spesso menzionata dal vice-presidente, nel medio periodo contribuirà a trasformare in modo radicale il settore dei trasporti terrestri, e più in generale il funzionamento dei sistemi energetici attualmente in essere.


L’obiettivo dichiarato è creare una ‘alleanza’ industriale tra i principali player europei che – come nel caso del colosso dell’aerospazio – sia in grado di posizionare l’Europa in modo competitivo sul mercato globale delle batterie. Ed è per questo che Sefcovic ha chiamato all’adunata grandi gruppi chimici, automobilistici e high-tech tra cui Basf, Daimler, Enel, Renault, Saft, Unicore e Volkswagen, ai quali si sono aggiunti – in prima linea – esponenti di rilievo dei governi tedesco, francese e polacco.

In questo contesto, lascia abbastanza perplessi il ruolo di secondo piano dell’Italia durante l’incontro, che si è concluso con l’annuncio di una task force che elaborerà una roadmap di politica industriale per il settore, da presentarsi al Clean Energy Industrial Forum a inizio 2018. Il che dà al nostro Paese il tempo per unirsi al gruppo (a patto che ci si muova in fretta), soprattutto considerando che l’Italia è tra gli Stati membri più avanzati – e in linea con gli obiettivi europei – in quanto a politiche di decarbonizzazione e di promozione di forme di energia sostenibile.

Riposizionamento urgente in un settore strategico
L’Europa non può più permettersi di perdere ulteriore terreno in un settore così strategico, lo hanno detto chiaramente Sefcovic e i rappresentanti istituzionali riunitisi a Bruxelles. La competizione globale è infatti particolarmente accesa, con i grandi gruppi asiatici Panasonic, LG, Samsung and Wanxiang che – insieme alla statunitense BYD – controllano quasi il 90% del mercato globale. Mercato nel quale Elon Musk e la sua Tesla sono pronti a entrare di prepotenza quando andranno a regime le attività della Gigafactory di Sparks, in Nevada.

La capacità di manufacturing globale di batterie è destinata a triplicare nei prossimi quattro anni, passando dagli attuali 90 gigawatt/ora (GWh) ai 270 GWh previsti per il 2021, per far fronte a un mercato destinato a crescere in modo esponenziale trainato dal settore automotive. Il numero dei veicoli elettrici immatricolati è raddoppiato nel giro di un anno, passando dal milione del 2015 ai due milioni del 2016, grazie soprattutto alle nuove tendenze sui mercati cinese e americano: secondo proiezioni attendibili, nel 2040 i modelli elettrici potrebbero rappresentare un terzo della flotta automobilistica globale, con un totale di 530 milioni di veicoli (che assorbiranno il 5% della domanda globale di elettricità).

E se ciò non significa che i motori a combustione interna saranno destinati a sparire a breve, le previsioni sui costi delle auto elettriche – che potrebbero pareggiare quelle tradizionali già nel 2025 – dimostrano come la necessità di posizionamento industriale da parte dell’Europa sia quantomai urgente.

Non solo automobili, non solo trasporti
Ma l’importanza delle batterie non si limita al settore dei trasporti, anzi. Per capirne meglio il contributo agli sforzi globali di decarbonizzazione bisogna spostare l’obiettivo oltre l’automobile elettrica. Le batterie, infatti, si apprestano a giocare un ruolo fondamentale nell’integrazione delle rinnovabili nella rete elettrica, neutralizzandone l’intermittenza che ad oggi ne limita in modo sostanziale l’utilizzo.

Lo sviluppo di sistemi di accumulo efficienti, economici e ‘smart’ potrà finalmente consentire di immagazzinare l’elettricità in eccesso prodotta da capacità solare, eolica e geotermica, o di stoccare – per poi da riutilizzarla durante i momenti di picco della domanda – quella generata da centrali termoelettriche. Una rivoluzione copernicana per i sistemi elettrici come li abbiamo conosciuti nei Paesi industrializzati a partire dal 1880, ma soprattutto un contributo fondamentale alla lotta al cambiamento climatico, grazie all’aumento esponenziale dell’utilizzo di energia verde. La diffusione su larga scala di batterie e sistemi di stoccaggio elettrico potrà avere un impatto significativo anche sulle abitudini di famiglie e cittadini, spianando la strada a pratiche quali l’autoconsumo domestico da energie rinnovabili.

Sul piano globale, un simile sviluppo – associato al progressivo abbattimento dei costi di eolico e solare – potrebbe garantire l’accesso all’energia a quel miliardo e mezzo di persone che ancora oggi vive (principalmente in Africa) disconnesso dalla rete e privo di qualsiasi servizio elettrico. Un passo decisivo verso il progresso universale, ma anche un mercato immenso che l’industria europea non può permettersi di farsi scappare.

Nicolò Sartori

Nicolò Sartori è responsabile di ricerca del Programma Energia dello IAI (Twitter: @_nsartori)

Write comment (0 Comments)