Sunday 25th Jun 2017

E' stato aperto ieri sera al Club Italiano di Rugby lo Sportello Welcome del Comites delle province del Capo, promosso dalla Farnesina attraverso il consolato e realizzato, come ha tenuto a sottolineare l'ambasciatore Pier Giovanni Donnici durante la cerimonia del taglio del nastro, in meno di sei mesi dall'apertura del bando all'inaugurazione dell'ufficio e del sito web, che ha già avuto migliaia di visitatori. Presenti un centinaio di connazionali di vecchia e recente immigrazione.

Lungo il perimetro del grande salone era anche stata allestita la mostra "I Creativi del Capo", composta dai quadri del pittore Angiolo Volpe (nella foto la nipotina Allegra) e da abiti, borse e altri oggetti prodotti appunto da creativi della comunità.

Onori di casa fatti dal console Alfonso Tagliaferri, che ha fortemente voluto questo punto di incontro e assistenza a disposizione dei nuovi immigranti in arrivo dall'Italia, e da un orgoglioso presidente del Comites, Renato Fioravanti, con i suoi collaboratori che hanno materialmente e concettualmente realizzato il progetto: Guido Angelucci, vice presidente del Com.It.Es., e Monica Marini, psicologa e membro della Dante Alighieri del Capo, che gestirà personalmente lo sportello, operativo ogni martedì e giovedì dalle 9.30 alle 12.30, ma virtualmente sempre a disposizione degli aventi bisogno attraverso il website.

Il Progetto Welcome si propone di offrire un primo supporto ed accoglienza alla nuova emigrazione italiana in Sudafrica e in modo specifico a Città del Capo.

 

Write comment (0 Comments)

Il convegno "Le fiere in Sudafrica, trampolino di lancio per accedere ai mercati dell'Africa Sub Sahariana", realizzato in collaborazione con Regione Lombardia e il Consorzio Internazionale di Sviluppo, CIS, si terrà martedì 27 giugno 2017 dalle ore 10.00-13.30 nella Sala Pirelli al Palazzo Pirelli  in Via Fabio Filzi, 22 - Milano. 

Un comunicato del Consolato Generale del Sud Africa a Milano specifica che l'evento vuole offrire una panoramica sulle fiere sudafricane e una descrizione del supporto a favore delle aziende che guardano ai mercati dell’Africa Sub Sahariana.

"Le fiere in Sudafrica, trampolino di lancio per accedere ai mercati dell'Africa Sub Sahariana"

Il Sudafrica ha tutte le carte in regola per diventare un maggiore player sul mercato globale come destinazione per meeting, incentive, conferenze, fiere ed eventi. Uno terzo di tutto lo spazio espositivo che esiste nel continente africano si trova in Sudafrica. L’Africa rimane ancora un grande mercato poco sfruttato da produttori e fornitori. La grandezza e la rapida crescita economica del continente hanno attirato l’attenzione del mondo. L’industria fieristica sta crescendo ad un ritmo fenomenale e ciò viene dimostrato dalle numerose sinergie e alleanze che si stanno verificando tra gli organizzatori di eventi e i loro partner stranieri.
L’evento vuole offrire una panoramica sulle fiere sudafricane e una descrizione del supporto a favore delle aziende che guardano ai mercati dell’Africa Sub Sahariana.

“Exhibitions in South Africa, a springboard to access markets in Sub-Saharan Africa”


South Africa has everything it takes to become a major player on the global market for meetings, incentives, conferences, exhibitions and events. One-third of all the exhibition space available in Africa is located in South Africa. Africa still remains a vast untapped market for manufacturers and suppliers. The Continent’s scale and rapid economic growth have caught the world’s attention. The exhibition industry is growing at a phenomenal rate and this is shown by the numerous synergies and alliances taking place between exhibition organizers and their foreign partners.
The event offers an overview of South African exhibitions and a description of the support that companies looking at markets in Sub-Saharan Africa can make use of.

Ufficio Economico
Consolato Generale del Sud Africa
Vicolo San Giovanni sul Muro, 4
20121 Milano
Tel. +39 02 8858581

Per le adesioni scrivere a: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Write comment (0 Comments)

Il Convention Centre di Città del Capo ha ospitato nello scorso fine settimana l'annuale Wedding Expo,importante punto di riferimento per chiunque stia preparando un matrimonio. Visitatori quasi al cento per cento del gentil sesso e naturalmente fra gli stand più visitati quello delle bollicine per i tradizionali brindisi alla felicità degli sposi. E lì, proprio nel centro del salone, lo stand più visitato e praticamente "assediato" della mostra, quello del Prosecco Valdo allestito dalla Prosecco Sud Africa, ditta importatrice del vero Prosecco di Valdobbiadene, come dice il suo nome, e di numerosi altri vini italiani, sul mercato da meno di un anno ma già ben affermata grazie alla solerte e intelligente campagna di penetrazione organizzata e diretta dai suoi direttori, i fratelli Alessandro e Cesare Valenti  (nella foto con le loro collaboratrici all'Expo).

Le due giornate di vita della Wedding Expo sono state intense e interessanti, particolarmente il sabato intorno a mezzogiorno, grazie alla sfilata degli abiti da sposa e di quelli delle amiche della sposa, nonchè dello sposo e dei compari, fino alla presentazione di un terzetto di cani-guida, ai quali era destinato il ricavato di una campagna raccolta fondi abbinata alla fiera del matrimonio. Interviste a personaggi importanti di questa giornata fondamentale nella vita di ogni giovane donna e fra gli intervistati anche Cesare Valenti, il quale ha parlato delle terre dove nasce il Prosecco e ha illustrato le caratteristiche del prodotto che è riuscito nell'impresa di scalzare lo champagne francese dal primo posto della classifica mondiale delle bollicine. Infine ha consegnato una magnum di Valdo, nella già famosa bottiglia decorata con motivi floreali alla vincitrice del concorso a quiz fra le visitatrici della Wedding Expo.

Write comment (0 Comments)

La Società Dante Alighieri sta organizzando un laboratorio teatrale gratuito per bambini (italiani e non) a Port Elizabeth nel mese di luglio. Si svolgerà nei locali del Club Italiano. Nella locandina tutte le informazioni.

Write comment (0 Comments)

Roma - La presentazione del libro “La Croce e il Leone” dello storico Dr. Luigi Robuschi si terrà il 26 giugno alle 17:30 presso il “St Mary's Cathedral Leslie Johnson Memorial Centre” in Bouquet Street, Cape Town. La conferenza, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Pretoria in collaborazione con il Consolato d’Italia a Cape Town, sarà tenuta in inglese.

Robuschi, studioso di storia veneziana dell'evo moderno, è docente nel Dipartimento di Italian Studies presso la University of Witwatersrand di Johannesburg, Sudafrica. Nel libro descrive le relazioni internazionali intercorse tra la Repubblica di Venezia e l’Ordine di Malta. - (NoveColonneATG)

La croce e il leone: le relazioni tra Venezia e Ordine di Malta (secoli XIV-XVIII)

Venezia e l'Ordine di Malta, una repubblica millenaria e un Ordine di Cavalieri, due destini che per secoli si incrociano, e che si avviano insieme a una fine quasi naturale - fine definitiva per Venezia, mentre per l'Ordine, che ebbe la forza di sopravvivere, fu solo momentanea - con il formarsi degli stati centralistici moderni e il tramonto dell'Antico Regime. In questo volume, il secolare e complesso rapporto tra la Repubblica di Venezia e l'Ordine di Malta viene analizzato, in un periodo cruciale per entrambe, utilizzando la documentazione conservata presso l'Archivio del Gran Priorato di Lombardia e Venezia del Sovrano Militare Ordine di Malta. Lo studio di queste fonti inedite ha permesso di approfondire il variegato ventaglio di relazioni che queste due istituzioni seppero intessere non solo all'interno del bacino Mediterraneo, ma anche nella Terraferma veneta, dove erano ubicate le Commende appartenenti all'Ordine. L'analisi di lungo periodo ha permesso di rilevare, insieme ai frequenti screzi e alle incomprensioni, un dialogo continuo, attraverso il quale due tra le maggiori repubbliche aristocratiche mediterranee seppero sviluppare alleanze militari, interessi commerciali e finanziari, arrivando infine a comprendersi e a riconoscersi.

Write comment (0 Comments)